Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

La nuova viabilità targata 5 Stelle? Una bizzarria con coloriture carnevalesche. A sostenerlo è Sinistra di Sedriano che ha trovato del tutto stupefacente l’incontro pubblico (7 marzo, alle 20,45 alla sala “M. Costa”), promosso dall’amministrazione comunale, quando tutto è già stato deciso “motu proprio, da 5, dicasi cinque persone, perché il progetto non è stato neanche oggetto di dibattito o discussione fra i consiglieri pentastellati e men che meno in consiglio comunale”. Troppo, davvero troppo per SdS che ritiene  “la misura colma” e per di più “tempo di disattivare l’amministrazione Cipriani, arrogante e incompetente. A casa; dimissioni, subito!”. Secondo SdS stravolgere la viabilità e la vita dei cittadini senza uno straccio di dibattito e confronto è inammissibile.
“Sostenere -afferma SdS– che la nuova viabilità presenta numerose criticità è davvero poca cosa. Appaiono invece del tutto chiare le tante bizzarrie del progetto. Dunque dopo il marciapiede estensibile di via Mazzini ecco apparire la pista ciclabile rialzata di Via Pessina (novità assoluta) nonché piste ciclabili monodirezionali via Mazzini e via Pessina. La soppressione -continua SdS– di tutti i parcheggi di  via Pessina, non pochi di via De Amicis, parte di via Mazzini e crediamo tutti quelli di via Volta. Fa la sua apparizione il senso unico alternato in prossimità del semaforo tra via Magenta/Fagnani con ripercussioni sulla fluidità del traffico spaventose. Poi il senso unico istituito alla Roveda con deviazione del traffico in uscita su via Bareggio e spostamento della fermata del bus, che stopperà il traffico ad ogni sosta e comporterà problemi di svolta ai bus doppi. Che dire poi -conclude SdS– della selva di centinaia di paletti dissuasori in acciaio inox posti lungo il percorso delle piste ciclabili centrali e non solo? Dell’allargamento dei marciapiedi e inevitabile restringimento delle carreggiate stradali, dell’abbattimento di alberi (i pochi rimasti, speriamo per loro e per noi, non i 3 tassi monumentali di via Volta) e di aiuole di via De Amicis e delle poste? E tanto altro ancora… Siamo alle solite decisioni prese a prescindere dal buon senso e dal fondamentale confronto con i cittadini“.

Lascia un commento