Latest News
Latest News
“Anno nuovo, vita vecchia”. Il vecchio adagio fotografa perfettamente – dal punto di vista dell’ex sindaco Monica Gibillini (Bareggio 2013) – l’andamento amministrativo della giunta Lonati, targata Pd, Voi con Noi, In Volo e Io Amo Bareggio. Gibillini ricorda fra ironia e disappunto che nei primi mesi del 2013 le cassette delle lettere delle famiglie di Bareggio e San Martino erano piene di volantini in vista delle elezioni, che una volta passate hanno lasciato il silenzio. Ma quel che peggio, a suo dire, chi ha vinto le elezioni e ora governa non ha imbucato nessun ringraziamento agli elettori e nessuna comunicazione per far conoscere facce e nomi degli assessori che si occupano di scuola, sociale, cultura, lavoro, bilancio, ambiente e territorio. Insomma, a suo giudizio, è accaduto proprio quello che recita un altro proverbio: “Passata la festa, gabbato il santo”. 

 “Bareggio e San Martino erano ‘al buio’ per Natale -commenta Monica Gibillini consigliere comunale della Lista Civica Bareggio 2013-. ma il sindaco Lonati dice che non si poteva fare di più per via delle poche risorse economiche, la stessa motivazione è stata data per la festa del paese, per la prima volta nella storia senza addobbi. Se è fuori di dubbio che le risorse economiche a disposizione del Comune son sempre meno, per trasparenza bisogna dire che alcune scelte, sulle risorse comunque a disposizione. La giunta Lonati le ha fatte: 2.035  euro del bilancio 2013 per l’allacciamento dell’acqua per mettere una fontanella per il parco destinato ai cani dietro le poste, più 1.915 euro per l’acquisto di 2 fontanelle da mettere sul territorio comunale 10.000 euro del fondo di riserva 2013 non sono stati usati nel 2013 e non potranno essere spesi 39.400 euro sono stati trovati nel bilancio 2014 per ripristinare la sezione del nido comunale tolta dal commissario prefettizio anche a causa dello scarso numero di bambini iscritti, oltre a 40.000 euro aggiunti sull’anno 2015 per lo stesso scopo. La richiesta che ho posto in consiglio comunale, a nome della Lista civica Bareggio 2013, di riservare queste risorse agli interventi di sostegno, alle famiglie in difficoltà nel pagare le rette della mensa, del pre e postscuola e del nido è stata respinta dalla maggioranza. Il lavoro con cittadini che si sono avvicinati nel 2013 alle attività politico-amministrative -conclude la consigliera Gibillini– e al Comitato e alla Lista Bareggio 2013, mi ha consentito di intraprendere alcune iniziative in consiglio comunale sui temi della trasparenza, quali la rendicontazione delle spese elettorali dei candidati priva di ‘burocratese’ per renderle facilmente accessibili ai cittadini interessati alla partecipazione, la presentazione della proposta per far partecipare i genitori-utenti dei servizi scolastici alla commissione che si pronuncia sui 500.000 euro che finanziano gli interventi comunali nelle scuole. La proposta dovrebbe essere finalmente discussa nel consiglio comunale di fine gennaio”. Infine Gibillini trova che sul versante delle opere pubbliche la nuova giunta si è limitata a dare esecuzione a quelle programmate quando era lei alla guida del municipio, ovvero le vie Giovanni XXIII e  Crispi.

Lascia un commento