Latest News
Latest News
L’appuntamento con le urne non è sono un momento in cui va in scena l’espressione più alta della democrazia, ma è anche e soprattutto la rappresentazione della fiera della vanità o meglio della “follia” politica. 
Sì, la “follia” travestita da autoreferenzialità, anzi da “sotto il vestito niente” che non disvela nulla di intrigante e seducente neppure quando qualche casuale folata di vento finisce per sollevarlo essendo un film già visto.
Ma la natura umana -si sa- è varia e a volte spera e realizza nell’impossibile come Manzoni ci ricorda nella celebre ode Cinque maggio “La procellosa e trepida / gioia d’un gran disegno, / l’ansia d’un cor che indocile / serve, pensando al regno; e il giunge, e tiene un premio / ch’era follia sperar”. Magari così pensa l’ex sindaco Monica Gibillini, che un recente sondaggio l’aveva accreditata a
sconfortanti percentuali, desiderosa di tornare in scena alla testa del gruppo Comitato Bareggio 2013 con candidati estranei alla vita politica nella speranza di sovvertire ogni ragionevole pronostico. Dà appuntamento a domenica 7 aprile, dalle 9 alle 12, in piazza Cavour. 
Tutto può accadere nel segreto dell’urna, ma i suoi ex amici e avversari trovano paradossale che per quattro anni non abbia mai ascoltato alcuno che adesso all’improvviso si sia convertita all’ascolto. 
Per loro è un’inaspettata e interessata folgorazione sulla via che porta al municipio. La lista civica “Io amo Bareggio”, che nei quattro anni scorsi era in alleanza con il centro-destra, si appresta a coalizzarsi con il Pd, se non proprio al primo turno, sicuramente nel ballottaggio. Una svolta radicale, ma tant’è quando si pensano scenari virtuali. Il suo candidato sindaco dovrebbe essere Ermes Gibillini.
La neo formazione Fratelli d’Italia, che in prima battuta sembrava orientata ad andare da sola, ora sta pensando che forse è meglio coalizzarsi con Pdl e Lega nord e sostenere la candidatura a sindaco di Silvia Scurati che rischiare di non prendere il quorum. Il Pd che con tanta fretta aveva individuato con primarie il proprio candidato (Giancarlo Lonati) è rimasto nel suo splendido isolamento e tutt’al più potrebbe allearsi con la lista civica “Vivi Bareggio” di Paolo Pedroli. Il Movimento 5 Stelle non ha ufficializzato nulla, ma le ultime indiscrezioni darebbero come candidato sindaco Simone Ligorio, che sarebbe stato scelto in un riunione tenutasi in un locale pubblico.
La lista civica “Noi con voi” candida Enrico Montani, mentre nulla trapela dalla sinistra estrema, ma le ultime indriscrezioni vorrebbero riesumare l’esperienza di “Sinistra alternativa – Verdi per Bareggio”. Intanto l’ottovolante gira… e per chi non prende almneo 800 voti il posto in consilgio comunale lo vedrà con il cannocchiale.
(Aggiornato il 1° aprile 2013)

Lascia un commento