Latest News
Latest News

Il mancato incontro fra la minoranza (Rilanciamo Sedriano e Noi con Sedriano e Roveda) e il sindaco Marco Re più che un giallo è divenuto un guazzabuglio. Sì, perché le spiegazioni del primo cittadino fornite alla stampa non sembrano trovare puntuale riscontro nell’evoluzione dei fatti. Il sindaco al settimanale L’Altomilanese ha puntualizzato che preso da molti impegni non si era accorto della Pec con cui gli si chiedeva udienza. E anche che aveva già risposto e al più presto avrebbe ricevuto i consiglieri. Tuttavia la versione non sembra allinearsi con gli accadimenti. La Pec era stata consegnata all’indirizzo del sindaco e spuntata (3 novembre) a conferma che era stata vista. Tuttavia, dopo la pubblicazione di Stataleforum del mancato incontro, il sindaco, dopo 4 giorni, tramite la sua segretaria, ha fatto contattare il consigliere Alfredo Celeste per dirgli che era venuto a conoscenza proprio da questo sito della loro richiesta di incontro e che comunque non aveva ricevuto alcuna istanza. A Settegiorni ha confidato che aveva comunicato ai consiglieri la sua indisponibilità all’incontro per malattia e che comunque non gli era noto l’argomento e per di più  non gli risultavano irregolarità da parte di componenti della giunta. Ma se mettiamo i fatti in fila viene fuori un altro scenario. La richiesta d’incontro è del 3 novembre, la notizia è apparsa su Stataleforum il 10 novembre, il 14 novembre la segretaria di Re telefona a Celeste per riferire che il primo cittadino, intanto ammalatosi, non sapeva niente dell’incontro e che l’aveva appreso da Stataleforum. Poi le dichiarazioni alla stampa e la secca smentita che non esistono irregolarità di alcun esponente dell’esecutivo. Su quest’ultimo aspetto bisogna però aspettare la presentazione fra qualche giorno della mozione in cui è plausibile, visti l’urgenza e l’importanza del colloquio, che vengano indicate le presunte irregolarità con eventuale dovizia di particolari e annessi e connessi, che dovranno essere valutate dal consiglio comunale e su cui peraltro occorrerà votare e assumersi la responsabilità. Infine nessun incontro è stato proposto o concordato con i consiglieri firmatari della richiesta.

Lascia un commento