Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

Monica Gibillini
Il consiglio comunale nella seduta del 10 settembre (termine ultimo indicato dallo statuto comunale) discuterà le linee programmatiche destinate a ispirare l’azione e i progetti della giunta Colombo fino al 2023. L’occasione giusta, a sentire la consigliera comunale Monica Gibillini (Bareggio 2013) per mettere mano e sistemare la viabilità, che è una pesante eredità della precedente amministrazione. “I principi politici -afferma Gibillini– dovranno ‘fare i conti’ con le tematiche rimaste aperte dalla legislatura Lonati  tra queste c’è di certo penso la viabilità. È stato il tema ‘critico’ che ha maggiormente caratterizzato il rapporto tra i cittadini e la giunta Lonati: dalle contestazioni sulla ZTL di via Matteotti, al senso unico di via Madonna Pellegrina con relative opere già previste per l’anno in corso e infine quelle sul piano urbano del traffico. Se da un lato l’esito elettorale ha confermato il mancato gradimento della maggioranza dei cittadini per le scelte della giunta Lonati, dall’altro lato non si può non tener conto che il piano del traffico è costato 12.500 euro di incarico al Centro Studi PIM che lo ha redatto (il nostro Comune è socio con un contributo annuale di 4.500 euro) a questi vanno aggiunti altri 9.500 euro per il piano particolareggiato sull’ex Statale 11 che prevede, tra l’altro, una rotonda tra via De Gasperi e la Statale”.

Non è tutto. “Il progetto della rotonda sulla Statale 11 -continua Gibillini– è stato approvato dalla giunta Lonati l’8 maggio scorso e inoltre è stato conferito un incarico tecnico per il progetto definitivo/esecutivo per oltre 33.000 euro (a soggetto diverso dal PIM). Infine, occorre considerare che in qualche modo quest’opera sulla ex Statale. 11 doveva in qualche modo permettere alla giunta uscente di recuperare la mancata realizzazione di opere finanziate con i 250.000 euro incassato nel 2014 dal Bennet di Cornaredo, che come Bareggio 2013 abbiamo a più riprese denunciato negli anni passati. La nuova giunta -chiosa Gibillini– ha ‘tra le mani’ il progetto definitivo/esecutivo della rotonda, l’invito è a tener conto di quanto emerso nelle osservazioni depositate dai cittadini sull’intervento per migliorarlo in termini di sicurezza soprattutto per pedoni e ciclisti. Insomma non resta che un gran pasticcio che in qualche modo andrà risolto tenendo conto che più che di grandi opere il nostro paese ha bisogno -conclude Gibillini– di interventi, ordinari e straordinari, sui manti stradali, sui marciapiedi e le ciclabili esistenti”.

Lascia un commento