Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
“L’ennesima ammissione di inadeguatezza di questa amministrazione è confermata da un comunicato stampa che si legge sul sito del comune per quanto concerne la sosta con disco orario in alcune vie commerciali del paese”. Il coordinatore azzurro Danilo Patané attacca duramente l’amministrazione Cipriani, rea, a suoi occhi, di sperimentare sulla pelle dei cittadini. E in questa nota che ricevo e pubblico evidenzia dal suo punto di vista i limiti dell’operato della giunta pentastellata.
Si tratta dell’ammissione d’aver fatto una sperimentazione, in danno dei cittadini che nel frattempo hanno anche subito qualche sanzione e quindi di essersi accorti dopo proteste e raccolte firme d’aver sbagliato e pertanto con tutta evidenza che si procede come sempre a tentoni; si fa per poi disfare si dispone per poi tornare sui propri passi, giustificando il tutto con un ridicolo e grottesco “ascolto” dei cittadini.
Ma dove la trovate un’amministrazione comunale cosi? Questo modo di fare non è altro che in scala quello che ci potrebbe toccare a livello nazionale se il M5S prendesse le redini della nazione. Al mattino ci troveremmo un provvedimento di governo, che alla sera verrebbe totalmente smentito e cancellato con qualche scusa banale.
Per fortuna che questa amministrazione comunale di decisioni importanti non ne prende, non ne sa prendere e non ne prenderà, almeno questo ci autotutela da castronerie tipo le righe verdi segnate in mezzo alle strade del paese qualche tempo fa. 
Rimane la delusione per aver gettato al vento il proprio voto nelle passate elezioni amministrative e di fronte a problemi di ordinaria amministrazione vedersi rispondere sempre e solo su Facebook in modo insoddisfacente e a volte piccato ed antipatico dal solito sindaco protempore che comunque la causa di ogni problema sia da ricercare nelle mancanze di quelli che c’erano prima; purtroppo le cose non cambiano granché se si  parla di realizzazioni future, mentre  il tempo passa e nulla  di buono viene realizzato. 
Il 4 marzo la matita e la cabina elettorale ci potranno dare qualche sollievo.

Lascia un commento