Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Ricevo e pubblico questa nota del consigliere comunale Enrico Montani (Voi con noi) che, non ravvisando una grande  attività degli addetti inquadrati nell’area delle opere pubbliche e manutenzione, chiede conto all’amministrazione comunale delle ragioni della carenza e come pensa di rimediare sollecitamente.

Nell’interesse di tutti, per il bene comune, vogliamo verificare lo stato dell’organizzazione dell’organico comunale e accertare quali metodologie di controllo siano state di recente attivate. Abbiamo pertanto presentato un’interrogazione diretta al sindaco nella quale chiediamo di informare puntualmente il consiglio comunale in merito al valore del lavoro prodotto durante quest’amministrazione dagli addetti inquadrati come operai e dagli impiegati dell’area patrimonio. L’area che riguarda le opere pubbliche e la manutenzione. Si tratta di sei operai e otto tecnici il cui costo per la comunità ha un’importanza rilevante. Una normalissima azienda, con un simile organico, riuscirebbe a produrre senza difficoltà una quantità di lavoro con un valore che approssimativamente possiamo stimare all’incirca in due milioni di euro.
Sono parecchi 2.000.000 di euro. Soprattutto considerando che l’amministrazione comunale di continuo lamenta di non avere risorse a disposizione. Provate ad immaginate la quantità di lavoro che dovrebbe essere prodotto con questa risorsa. 

Abbiamo quindi chiesto al sindaco di mettere a disposizione ed esibire al consiglio comunale gli ordini di lavoro che sono stati emanati, i rapporti giornalieri dei lavori eseguiti, il libro giornale dei lavori e il registro dei lavori in cui devono essere annotati giornalmente i lavori fatti, l’organigramma completo per operai e impiegati, tutta la documentazione di valutazione completa delle schede di rilievo del valore dei lavori eseguiti.

Abbiamo avviato questa verifica poiché non è percepita la realizzazione di una mole di lavoro proporzionata alle forze impiegate. Crediamo ciò sia dovuto a una grave carenza organizzativa cui necessariamente si debba porre rimedio. Il costo che grava sulla comunità per operai e impiegati tecnici è importante. Ci si aspetta pertanto l’ottenimento di risultati altrettanto importanti. La realtà è purtroppo ben diversa. I risultati sono scarsi, miseri, largamente inferiori a qualsiasi eccessivamente speranzosa aspettativa. L’organizzazione comunale fa capo direttamente al sindaco che di tutto ciò deve rendere conto all’intera comunità se è in grado di farlo.

Lascia un commento