Latest News
Latest News
Dai banchi della maggioranza leghista sempre più arroganza.  Una ulteriore prova, a sentire il gruppo ViviAmo Vittuone, sì è avuta nel consiglio comunale del 27 luglio quando la maggioranza leghista si è rivolta alla minoranza con disprezzo e arroganza. E in questa nota che ricevo e pubblico esprime forte dissenso per il modo di fare della compagine amministrativa. “Minoranza, che è bene ricordare, rappresenta la maggioranza della popolazione di Vittuone e ha il dovere di controllare rover atto dell’amministrazione comunale. Le esternazioni del sindaco Zancanaro verso una consigliera di minoranza sono state ingiuriose e intimidatorie,  degne della peggior destra leghista. Intanto aspettiamo il parere della giunta sulla nostra seconda richiesta di registrazione video o audio delle sedute del consiglio comunale per lasciare spazio al giudizio dei cittadini.
Il clima in consiglio comunale sulla variazione di bilancio è stato sin da subito elettrico e con l’opposizione intenta a far capire al sindaco e alla sua giunta che i documenti ai consiglieri comunali di minoranza bisogna mandarli in tempo utile per poter esprimere un giudizio nel merito e una valutazione sugli investimenti in programma. Il sindaco davanti ai dati di fatto ha riconosciuto le mancanze e come don Abbondio ha scaricato le responsabilità sulla mancanza di personale; dopotutto sono stati eletti da solo 13 mesi e occorre dargli del tempo per imparare… Ma quanto durerà l’apprendistato? Come possibile dare un giudizio positivo su una variazione di bilancio come quella proposto dalla giunta Zancanaro, che aumenta il tempo tutto pubblico del nostro Comune e taglia i servizi ai cittadini di Vittuone. Critiche espresse documentate nella commissione finanza. Allora, sindaco Zancanaro ci fa o ci è?  È arrivata la prima ondata di caldo e immancabilmente sono arrivate le calde ‘sparate’ della dell’emerito assessore magentino Bergamaschi: la sottoscrizione del mutuo di 470.000 euro è, a suo giudizio, ‘un debito buono’. Boh! Lui ragiona così, forte nella sua  volontà di fare carriera nella Lega e ambire a poltrone più prestigiose, interessato pro tempore alla nostra comunità e con lo scopo di fare gavetta amministrativa. Ma per contro lascerà un altro debito ai vittuonesi col consenso dei consiglieri yes man. Il debito è debito e da che mondo ha il segno meno e il colore rosso”.

Lascia un commento