Latest News
Latest News

Il Partito democratico sfida il sindaco Cipriani. No, a duello di antica memoria, ma a “portare alla pari la sua indennità e  quella di tutti gli assessori a quella degli amministratori di  Bareggio”. Un guanto di sfida singolare, ma tant’è. Del resto, secondo il capogruppo dem Giuseppe Pisano, è “il minimo sindacale per una forza politica che ha fatto della riduzione di stipendi e indennità la sua bandiera”. Ma il sindaco accetterà la sfida? Non resta che aspettare per vedere. Ma com’è venuto in mente al Pd di lanciare la sfida? “Gli amministratori piddini che governano i Comuni di Cornaredo e Bareggio, Comuni con una con popolazione di gran lunga superiore a Sedriano, si sono ridotti in maniera consistente l’indennità di carica. Nel caso del Comune di Bareggio, sindaco e  assessori tale riduzione ammonta a ben il 30%!
Quindi il sindaco e gli assessori di Bareggio, Comune con una popolazione di oltre 18.000 abitanti,  hanno un’indennità di gran lunga inferiore a quella di Cipriani e dei nostri assessori. Cipriani, invece di fare attacchi personali ai consiglieri e alle forze politiche di minoranza, cosa ormai usuale, dovrebbe, in virtù di quanto predicato giornalmente dagli esponenti nazionali di M5S, circa la riduzione di  stipendi e indennità, imitare i sindaci PD dei due Comuni citati”. Ma, a parte questo, secondo il Pd, “Cipriani non risponde all’invito a spendere bene i soldi dei cittadini, siano essi 10 o 10.000 euro, come nel caso del famoso marciapiedi di via Mazzini”. Ma approfitta per fare demagogia. Come? “Fa vedere la sua busta paga per dimostrare che la sua indennità mensile ammonta a 2.821 euro. Dimentica, purtroppo, che a questa cifra va aggiunta la somma di 1.276 euro (1.178,33 – 13 mensilità/12)  quale contributo previdenziale – assicurativo (Cpts, Inadel) e 250 euro come quota mensile dei 3.000 euro, accantonati annualmente dall’ente, per l’indennità di fine rapporto del sindaco. Riepilogando il costo totale che il Comune di Sedriano spende per l’indennità di Cipriani è pari a 2.821+1.276+250= 4.347 euro. Una cifra notevole molto di più dei 3.000 euro mensili spesi per uno dei tre commissari prefettizi che hanno governato Sedriano nel periodo 2014-2015. Per arrivare al costo mensile dell’intera amministrazione, ai 4.347 euro di Cipriani, bisogna aggiungere 761,74 euro per Rossi, 1.258,81 euro a testa per Manes e Chiesa (indennità intera), 619,71 euro per Alì e 122,63 euro per Galeazzi. In totale abbiamo, 8.368,70 euro, poco meno dei 9.000 euro euro spesi mensilmente per tutti e tre i commissari prefettizi negli anni 2014-2015″. Non è tutto. “Gli amministratori PD che governano i Comuni di Cornaredo e Bareggio, Comuni con una con popolazione di gran lunga superiore a Sedriano, si sono ridotti in maniera consistente l’indennità di carica.  Nel caso del comune di Bareggio, sindaco e  assessori tale riduzione ammonta a ben il 30 per cento!!! Quindi il sindaco e  gli assessori di Bareggio, comune con una popolazione di oltre 18.000 abitanti,  hanno un’indennità di gran lunga inferiore a quella di Cipriani e dei nostri assessori”.

Lascia un commento