Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Giuseppe Pisano

Il capogruppo piddino Giuseppe Pisano non riconosce neppure l’onore delle armi agli amministratori pentastellati. Infatti la disamina che fa dei primi 18 mesi di governo dei cinquestelle è spietata e non lascia spazio neppure alla speranza che possano invertire la rotta. In questa nota che pubblico afferma che “il bilancio è fallimentare, fatto solo di manutenzione ordinaria” e con “un’amministrazione  chiusa, avvitata su se stessa, litigiosa anche al suo interno, per nulla disponibile al dialogo e al confronto,  incapace di intercettare e soddisfare i bisogni della nostra comunità”.

<Partiamo dai servizi, la vostra azione si è caratterizzata per la riduzione dei servizi erogati: eliminazione dei servizi di terapie fisiche, infermieristici, ostetricia, offerti  dagli ambulatori comunali fino al 2015.  Gli spazi comunali praticamente regalati ad alcuni professionisti  per  esercitare la libera professione non era quello che i cittadini chiedevano, infatti l’iniziativa è totalmente fallita, gli ambulatori sono scarsamente frequentati. 
Chiusura dell’ambulatorio usato dai medici di base  Roveda. Chiusura della sede APS di Roveda, non basta dire che alcuni anziani vengono portati nella sede di Sedriano, di fatto il servizio è cessato e non ci sarà per i pensionati di domani. Un’amministrazione incrementa i servizi, pensa al futuro, non elimina i servizi. Tariffe aumentate: aumento delle tariffe dei servizi cimiteriali e dei servizi a domanda individuale, aumento delle sanzioni per violazione del codice della strada. State facendo cassa  con le multe al semaforo sulla Statale 11, si parla di oltre 400.000 euro in introiti in un anno.
Associazioni: nessuna iniziativa a favore della famosa casa delle associazioni promessa in campagna elettorale; per contro assistiamo  ai  continui scontri fra l’amministrazione e le associazioni di volontariato: completa rottura con la Pro Loco che in questi anni è stata attiva in tantissime iniziative, scontro con i commercianti e le loro associazioni, le squadre di  basket costrette ad andare a giocare presso le strutture di Bareggio, ecc…
Il famoso polo scolastico, dove concentrare  tutte le strutture scolastiche attualmente distribuite  in cinque distinti plessi, non pervenuto, non se ne parla più.
Non esiste un piano di mobilità per disabili,  percorsi privi di barriere architettoniche, accessibilità a percorsi per non vedenti o ipovedenti. Avete combinato un casino con via Mazzini, dove avete creato una condizione di pericolo per veicoli e pedoni, il tutto per realizzare qualcosa che nessuno ha capito nemmeno nel vostro interno, vedi le dimissioni di Li Greci,  il tutto senza un progetto  specifico, senza il parere del comandante dei vigili, facendo finta che si potesse far passare il tutto come manutenzione ordinaria, una forzatura che non ha eguali in nessuna amministrazione, altro che trasparenza e rispetto delle regole.
Cava Bottoni: nessuna iniziativa a favore di una struttura che si presta a tantissime iniziative, zero assoluto, l’avete fatto diventare un centro di costo, si taglia solo l’erba e si lascia chiusa, una cosa inaudita.
Volontariato, partenza sprint  con i NOV, che onor del vero, grazie soprattutto a Pino Li Greci che ne era il coordinatore, qualcosa è stato fatto, ma poi ci avete ripensato, avete fatto il bando per il volontariato civico che per come è stato presentato ha avuto praticamente zero adesioni, mentre i NOV sono stati soppressi, un pasticcio a 5 stelle.
Biblioteca, la biblioteca continua ad avere locali piccoli e inadeguati, mentre, Villa Allavena che doveva a nostro avviso essere la nuova sede continua a deteriorarsi sempre più.
Lo stesso vale per i locali del municipio che richiederebbero quanto meno una  prima ristrutturazione.
Area feste, ereditata dalla giunta Celeste, vi siete rifiutati di far conoscere al consiglio i risultati dei carotaggi, avete rifiutato  l’offerta dell’operatore senza interpellare il consiglio comunale. Così facendo avete fatto diventare l’area feste un vostro problema,  senza avere la capacità di trovare una soluzione.
Non  penserete che avendo circoscritto l’area avete risolto il problema, i cittadini sono in attesa di una soluzione,  che ne consenti l’utilizzo,  sta a voi trovarla ed attuarla dal momento che non accettate il confronto, ormai l’area feste è diventato di fatto  un vostro progetto.
Giovani e lavoro, in un momento di grave crisi per le famiglie per i giovani  non avete proposto nessuna iniziativa, avete solo a cuore le vostre indennità che sono le più alte fra gli amministratori della zona, sicuramente di quelle a guida PD.
Commercio,  i negozi e gli artigiani continuano a chiudere, nessuna iniziativa per il rilancio di questo settore. Di recente, in questa sala consiliare,  abbiamo assistito alle proteste dei commercianti preoccupati per le loro attività.
Penosa la situazione dei parchi: sporchi, cestini che rigurgitano di rifiuti, giuochi per i bambini rotti o soppressi…
Niente è stato fatto per le aziende agricole del nostro paese, nessuna iniziativa per incentivare la produzione e la vendita dei prodotti di qualità dei nostri agricoltori.
Nessun avvio e/o progettazione di  nuove  opere pubbliche
Illuminazione pubblica, Led, pali intelligenti  tutto dimenticato.
Vi eravate impegnati a consegnare ai cittadini un monumento alla Pace degno di tale nome, con l’aggiunta di un anfiteatro, grande annuncio, poi la solita  retromarcia, adesso non se ne parla più.
Vi eravate impegnati a destinare nuove aree per gli animali, niente è stato fatto
Vi eravate impegnati ad attuare sistemi di videosorveglianza nelle scuole, per la sicurezza delle strutture scolastiche, utenti, personale e dati, niente è stato fatto
Vi eravate impegnati a adeguare l’ organico della polizia locale: un vigile ogni 1000 abitanti che vuol dire 12 unità, il doppio di adesso. Allo stato attuale niente è cambiato, forse, come mi sembra di capire, un vigile verrà destinato a svolgere  altre mansioni
Dimissioni: ormai siamo abituati a periodiche dimissioni di componenti della giunta e del consiglio, gli ultimi due consiglieri non sono stati surrogati per mancanza di candidati. Questo denota un’amministrazione poco compatta, incline a liti interne, dove le decisione prese da un piccolo gruppo come denuncia l’ex consigliere Li Greci nella sua lettera di dimissioni dove afferma che la decisione delle sue dimissioni sono da ascriversi “al clima non partecipativo e di condivisione che doveva essere lo spirito della nostra realtà di azione poiché le decisioni vengono comunicate già definite senza poterne discutere insieme”.
Questo è quello che siete riusciti a realizzare in un anno e passa di governo del paese>.

Lascia un commento