Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Enrico Bodini
L’ex assessore Enrico Bodini incalza l’amministrazione comunale sulla lottizzazione residenziale di via Milano. E ironizza anche sul sindaco-progettista Stefano Zancanaro che, a suo giudizio, è riuscito a elaborare velocemente un progetto-pratica edilizia e ottenere il permesso dalla sua amministrazione in nemmeno 15 giorni. Ma anche sull’ufficio tecnico comunale che è diventato così veloce da istruire e autorizzare la pratica in pochi giorni. In questa nota che pubblico l’ex assessore ironizza sull’iter ultraveloce che è stato riservato al progetto.
Il 22 agosto avevo inviato una mail al sindaco chiedendo perché invece del verde ornamentale già previsto nella lottizzazione residenziale in via Milano, di fronte al Destriero, c’era un deposito di furgoni con tanto di illuminazione e mega striscioni pubblicitari.
Il sindaco non mi ha mai risposto. Dopo 30 giorni mi è arrivata dall’ufficio tecnico una mail di riscontro “fuori tema” a cui ho subito replicato. Dopo ulteriori 30 giorni, l’ufficio tecnico mi ha risposto informandomi che era in corso una pratica edilizia e confermava comunque la piantumazione dell’area. Ma la spiegazione di tutto questo è contenuta nel permesso rilasciato il 13 ottobre recentemente pubblicato sull’albo pretorio relativo alla domanda n. 12/2016 presentata il 29 settembre. Nel 2012-2013 il piano di lottizzazione di questa area era stato approvato all’unanimità in consiglio comunale anche da alcuni consiglieri che ancora oggi sono presenti in consiglio sia nella maggioranza che in minoranza.  La delibera di approvazione preparata dai tecnici non lasciava dubbi. A quanto pare la possibilità di realizzare “edifici esclusivamente residenziali” della delibera 2012-2013 non è più così esclusiva; oggi il permesso rilasciato è riferito a un edificio a uso commerciale e pazienza se sul verde ornamentale di pertinenza dell’edificio “stazioneranno” furgoni invece degli alberi indicati sempre nella stessa delibera di 3 anni fa.
Complimenti al sindaco-progettista Zancanaro: ha “elaborato” un progetto-pratica edilizia che ha ottenuto il permesso dalla sua amministrazione in nemmeno 15 giorni;
complimenti all’ufficio tecnico che ha istruito e autorizzato la pratica in pochi giorni; la risposta al cittadino, senza dubbio meno importante, può aspettare i 30 giorni canonici;

tapiro d’oro invece ai consiglieri comunali della passata consiliatura, me compreso, che avevano votato una cosa e se ne ritrovano un’altra.

Lascia un commento