Latest News
Latest News
L’ex sindaco Alfredo Celeste è stato rinviato a giudizio. Il Gup Andrea Ghinetti accogliendo le richieste del Pm Andrea D’Amico ha mandato a processo lui e gli altri imputati coinvolti nelle note vicende cittadine che sono poi culminate nello scioglimento del Comune per infiltrazioni malavitose. Il processo si celebrerà l’8 maggio. Oltre a Celeste compariranno davanti ai giudici l’ex assessore regionale Domenico Zambetti, l’imprenditore Eugenio Costantino, il chirurgo Marco Silvio Scalambra e Ambrogio Crespi, il fratello di Luigi, l’ex sondaggista di Silvio Berlusconi. Inoltre il gup Ghinetti ha pronunciato pesanti condanne (da 2 a 14 anni) per altre 12 persone che hanno scelto il rito abbreviato. Il rinvio a giudizio chiude la fase dibattimentale preliminare che andava avanti da parecchi mesi.

“Con il rinvio a giudizio -afferma Celeste– si  è materializzato quelli che molti  pensavano non avvenisse, rispetto ai pochi  rancorosi e   infelici  che lo  desideravano  ansiosamente, nella loro continua passiva  frustrazione della vita più che mediocre. Ma non tutti i mali vengono per nuocere: finalmente, in un dibattimento aperto a tutti,  l’opinione pubblica sedrianese e non solo, potrà conoscere  a fondo tutta la vicenda, a partire dall’accusa infondata che ha inciso profondamente sulla vita di tante persone, all’insediamento della commissione prefettizia e al suo ‘già deciso’ e consequenziale pronunciamento  di scioglimento degli organi  eletti liberamente e democraticamente in Sedriano”.

Lascia un commento