Latest News
Latest News
Ma le elezioni nazionali sono declinabili in scala locale? L’esperienza dimostra che la trasposizione sic e simpliciter è alquanto improbabile per via delle variabili che insistono a livello locale, anche se il voto è indice di una tendenza generale del momento. Sostenere poi che il voto è anche la conseguenza della buona amministrazione cittadina appare un’ipotesi se non azzardata difficilmente dimostrabile. Ma in politica tutto fa brodo e si valorizza qualsiasi metallo.  Certo è che il vicesindaco Davide Rossi non sembra avere dubbi che la copiosa raccolta di messe del Movimento 5 Stelle a Sedriano sia una chiara e netta promozione dell’amministrazione pentastellata. “Il M5S -osserva Rossi– ha raccolto 2.121 voti (il 30,59%) ed è il primo partito. Eh sì, questo è il risultato di una cattiva amministrazione, vero? Ovviamente sono ironico… Forza Italia ha raccolto 890 voti (il 13,2%), Fratelli d’Italia 234 voti (il 3,47%). E’ questo il risultato di un’alternativa per il futuro, vero? Continuo a essere ironico!”.

I numeri di adesso danno ragione a Rossi, anche se nel conto mancano i 1.647 voti (24,44) della Lega nord che fanno e come la differenza. Un buon viatico, a sentire il vicesindaco, anche per le prossime elezioni amministrative del 2021. Può darsi, ma in Italia la volatilità elettorale è sin troppo veloce per la rabbia e la disperazione di larghi strati sociali che si aspettano soluzioni rapide ed efficaci, che non arrivando, non esiterebbero a cambiare cavallo. Tuttavia, se si proiettano gli attuali risultati in uno scenario comunale futuro, si evince che ai  5 Stelle non bastano gli attuali consensi per battere il centrodestra in un un’ipotetica alleanza costituita da Lega nordForza Italia e Fratelli d’Italia.

Lascia un commento