Latest News
Latest News
Yuri Santagostino

Non ci sono errori nel calcolo della Tari. Il sindaco Yuri Santagostino in una nota spiega che la vicenda non riguarda Cornaredo, ma altri Comuni. “Vorrei tranquillizzare tutti: a Cornaredo -puntualizza il sindaco- i calcoli sono stati fatti in maniera corretta dal 1996, anno in cui fu introdotta la tariffa d’igiene ambientale, e maggior ragione dopo l’entrata in vigore del DPR 158/1999 che definisce i criteri di calcolo. La Tari è composta di due voci: una parte fissa e una parte variabile. La parte fissa viene calcolata tenendo in considerazione i metri calpestabili dell’immobile e serve a rifondere i costi ‘fissi’ sostenuti per i servizi (smaltimento, pulizia, una parte dei servizi di raccolta, manifestazioni ed eventi) mentre la parte variabile tiene in considerazione anche il numero di componenti del nucleo familiare perché serve a calcolare quanti rifiuti può ‘produrre’ potenzialmente un immobile.
Per le utenze non domestiche invece la parte variabile varia in base alla tipologia di utenza”. Ma in cosa ha consistito l’errore? “Alcuni Comuni -precisa Santagostino– hanno erroneamente calcolato la parte variabile della Tari per ogni pertinenza collegata all’immobile, mentre la parte variabile va computata una unica volta. Questo ovviamente ha fatto lievitare la Tari richiesta alla singola utenza con più pertinenze. Dietro il ‘foglio Tari’ che riceviamo ogni anno si può verificare il metodo di calcolo utilizzato e che nel nostro Comune la parte variabile viene richiesta una volta sola sotto la voce dell’abitazione e non quella delle pertinenze. Fatte le verifiche del caso, il Ministero ha dichiarato che a breve verrà emanata una circolare relativamente al comportamento da tenere da parte dell’ente locale ma dubito vista l’interpretazione univoca del sistema di calcolo che non vi saranno rimborsi per chi ha pagato di più”. Non è tutto. “C’è però un tema fondamentale -conclude Santagostino– da tenere in considerazione e su cui vi può essere una e una sola interpretazione: il servizio di igiene urbana va pagato interamente attraverso la Tari. Significa che se al nostro Comune il servizio di igiene urbana costa 2,7 milioni di euro la somma delle Tari che si richiedono a tutte le utenze deve fare 2,7 milioni di euro. Ciò significa che se un Comune ha erroneamente fatto pagare qualcosa in più a delle utenze, ha anche fatto pagare qualcosa in meno ad altre”.

Lascia un commento