Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Auditorium pieno, lunedì sera, per l’avvio della campagna elettorale di Yuri Santagostino, indicato dalle primarie dello scorso 2 marzo come candidato sindaco per il centrosinistra. Una serata fuori dagli schemi, aperta dalle “Città invisibili” di Italo Calvino e dagli interventi di cinque testimonial d’eccezione: la psicoterapeuta Giovanna Fungi, Antonella Musetti della cooperativa sociale “Il Corniolo”, Matteo Lomolino, giovane promessa dell’Inter e della Nazionale che vive a San Pietro all’Olmo, il sindaco di Settimo Milanese Massimo Sacchi e infine Sara Chafik, che ha raccontato la sua esperienza di italiana figlia di immigrati. In chiusura di serata l’intervento di Santagostino, molto applaudito, che ha avanzato le sue proposte per ridare slancio a “Cornaredo comunità”, come si leggeva nel titolo dell’iniziativa. Quattro le parole con cui Santagostino ha definito la città che ha in mente: partecipata, sostenibile, solidale e viva.

«Se la nostra comunità cittadina ha retto in questi anni di crisi – ha spiegato Santagostino – lo dobbiamo non certo all’amministrazione comunale, ma al lavoro competente, appassionato e disinteressato dei tanti volontari che animano le associazioni del territorio: sono loro la più importante risorsa e la prima eccellenza di Cornaredo». Molte le proposte lanciate dal palco: l’adozione del bilancio partecipato «sul modello già sperimentato a Rho», che consente ai cittadini di svolgere un ruolo attivo nella definizione delle politiche del comune, destinando quote di bilancio a progetti significativi e condivisi. Un piano per la riqualificazione delle aree verdi, «che ora attraversiamo senza fermarci a viverle, mentre possono diventare il cuore ecologico della nostra città curando maggiormente le aree gioco per i bambini, ripensando e aumentando le aree cani, creando delle zone di ritrovo con panchine ed eventualmente anche con un chiosco-bar, garantendo la connettività Wi-Fi in tutti i parchi cittadini». Infine un piano energia per fare di Cornaredo una città sostenibile, diminuendo le emissioni di anidride carbonica anche attraverso la costituzione di gruppi d’acquisto solare. «La campagna prosegue ora senza sosta», spiegano dal comitato elettorale di Santagostino. «Proprio questa domenica abbiamo inaugurato “Spazio al Futuro”, la sede del comitato in via Ponti 13. Sarà aperta ai cittadini tutti i giorni, per conoscere le proposte del candidato e incontrarlo di persona». Numerosi sono poi i piccoli appuntamenti previsti nelle diverse zone del territorio comunale: «Faremo una campagna basata sul dialogo con i cittadini, che hanno voglia di conoscere Yuri e confrontarsi con lui». E le polemiche con gli altri candidati? Dal centrodestra sono arrivate accuse pesanti. «Nessuna polemica», dicono dal quartier generale di Santagostino: «per noi politica è pensare al futuro di Cornaredo, sempre col sorriso e con la voglia di far bene. Lo scontro non ci interessa, e soprattutto non interessa ai cittadini».

Lascia un commento