Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Un anno in più per approvare il nuovo piano di governo del territorio (Pgt). Sì, la Regione, in considerazione della richiesta della commissione prefettizia, ha disposto che l’attuale strumento urbanistico conservi piena efficacia sino all’approvazione del Pgt, che non dovrà avvenire oltre il 30 giugno 2015. Il disco verde del Pirellone è stato accolto con soddisfazione della commissione che ha così tempo per approvare il Pgt e scongiure altresi conseguenze erariali connesse al patto di stabilità territoriale 2014. Il Pgt, secondo il ruolino di marcia degli ex amministratori, sarebbe dovuto essere approvato a novembre scorso, ma l’intervenuto commissariamento (16 ottobre) ha rimesso tutto in discussione.

Intanto il 25 ottobre è pervenuto il parere della Provincia che condizionava il Pgt alla compatibilità con il Ptc, mentre il Parco Sud con delibera del 19 novembre esprimeva parere negativo.

Inoltre le controdeduzioni alle 104 osservazioni non era state definite dai tecnici esterni incaricati. Da qui la richiesta di una proroga al Pirellone che ha concesso. Il che fa sì che la mancata approvazione del Pgt entro il 30 giugno prossimo non pregiudichi le entrate. Infatti le aree destinate all’edificazione, già inserite  del precedente Prg risulterebbero ai fini edificatori aree agricole e quindi non assoggettabili all’imposizione tributaria, che è stata quantificata dal Comune in 366.000 euro. La perdita erariale si sarebbe pure estesa al mancato introito del contributo di costruizone. Insomma la proroga per così dire salva capra e cavoli.

Lascia un commento