Latest News
Latest News
Mercoledì 30 gennaio è stata una giornata davvero particolare per la Pro Loco di Vittuone. Luigino Tacconi,  presidente dell’associazione, non immaginava certo che l’idea di posizionare una statua di Giovanni Paolo II nella piazza omonima di Vittuone l’ottobre scorso, avrebbe portato a tanto. 
Grazie all’interessamento del presidente nazionale dell’UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia ), Tacconi con una rappresentanza di soci attivi ed accompagnato dal sindaco Fabrizio Bagini, sono stati invitati in mattinata al Quirinale e nel pomeriggio in Vaticano.
Al Quirinale sono stati accolti dalla dottoressa Alessandra Ghidoli della segreteria generale della Presidenza della Repubblica, responsabile del patrimonio storico-artistico della residenza presidenziale.

La dottoressa Ghidoli (il cui trisnonno era originario di Arluno ) ha guidato la delegazione alla scoperta dei tesori artistici del Quirinale, con competenza e grande affabilità ha descritto l’evolversi nei secoli di questo stupendo palazzo. In più di due ore di visita sono stati illustrati gli aspetti più interessanti di quella che era nata come residenza estiva dei pontefici romani sino al 1870 per poi diventare palazzo reale dei Savoia e il 2 Giugno del 1046 sede del Capo dello Stato repubblicano.
Ha sottolineato come negli ultimi anni vi siano stati forti tagli al ministero dei beni culturali e di come ciò metta a repentaglio il mantenimento del patrimonio culturale italiano che appartiene a tutti noi, di come invece sia importante per un rilancio lungimirante del paese investire nella cultura. Un impegno che non deve fermarsi all’organizzazione di “ eventi “ sporadici di notevole richiamo ma debba coinvolgere i cittadini al rispetto  e alla conoscenza dell’immenso patrimonio artistico italiano presente in ogni cittadina.
Da qui l’invito ad una associazione come la Pro Loco di Vittuone a farsi parte attiva nella valorizzazione dei beni artistici del proprio paese.
Nel pomeriggio presso la Santa sede il sindaco Bagini  e gli esponenti della pro loco sono stati accolti  dal cardinale Angelo Comastri, vicario generale di Sua Santità per lo Stato della Città del Vaticano e arciprete della Basilica papale di San Pietro in Vaticano.
Al cardinale è stata consegnata una lettera inviatagli dal parroco di Vittuone don Antonio Ercoli.
Sua Eminenza si è intrattenuto con gli ospiti raccontando loro alcuni aspetti poco noti della vita di Giovanni Paolo II, a partire dai primi anni della sua vita sino al racconto degli ultimi giorni in cui serenamente si avvicinava al momento di ” ritornare alla casa del Padre”.
Il Cardinale Comastri si è complimentato con il presidente della Pro loco Tacconi per la lodevole iniziativa della statua al Beato Giovanni Paolo II, ed ha voluto impartire una particolare benedizione ai presenti.
Successivamente sono stati accompagnati per una visita alla basilica di San Pietro.
Una giornata intensa in cui un gesto semplice come quello di commemorare la figura di papa Giovanni Paolo II con una statua a lui dedicata ha riscosso

–>

l’apprezzamento delle più alte cariche civile ed ecclesiastiche del nostro Paese. 

Lascia un commento