Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Alla fine saranno probabilmente in setto/otto candidati a sindaco a contendersi la guida del municipio, ma tutto lascia immaginare che saranno soltanto in tre ad avere serie chance di successo. 
Sì, non solo a naso si capisce che Enrico Montani (Voi non noi), Giancarlo Lonati (Pd) e Silvia Scurati (Lega nord) sono i più accreditati al traguardo finale, ma anche le intenzioni di voto confermano che saranno proprio loro a disputarsi la poltrona più alta del municipio. 
Un’indagine ha evidenziato che i tre candidati sono divisi da poche centinaia di voti: Montani al 25,5%, Lonati al 25% e Scurati al 24%. Tutti gli altri molto staccati e con un ruolo inevitabilmente di semplici comprimari.

Il più vicino (ma staccatissimo) è il Movimento 5 Stelle con il 7%, mentre Monica Gibillini è risultata a malapena sondabile e il fatto che stenta a fare la lista è la prova speculare che non gode di grandi consensi. 

Mancano all’appello la lista Io amo Bareggio che non è chiaro se andrà da sola o in alleanza, ma si parla che vorrebbe candidare a sindaco Maurizio Grassi. La sinistra non ha un candidato sindaco, ma se andasse alle lezioni nel segno di Rivoluzione civile non supererebbe il 4%. 
Ma naturalmente da qui al voto molte cose cambieranno a cominciare dal fatto che l’effetto traino delle elezioni nazionali verrà meno per le formazioni legate a simboli di partito. Tuttavia lo scenario attuale è questo e appena 300 voti farebbero la differenza fra i tre maggiori candidati. Al ballottaggio andrebbero dunque Montani e Lonati e se dovesse andare così sarebbe una bella lotta per conquistare il decisivo favore dell’elettorato del centro-destra.

Lascia un commento