Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Un momento conviviale per riassaporare un piatto tipico della trazione lombarda qual è la cassoeula, ma soprattutto per dare il “la” a quella fase d’ascolto, peraltro già avviata in modo informale da alcune settimane a questa parte, dal candidato sindaco Silvia Scurati.
Domenica 9 dicembre a partire dalle 12.30 nel centro polifunzionale di via Gallina andrà in scena, organizzata dalla locale sezione  della Lega Nord, ‘La cassoeula di Sant’Ambroeus. Festa delle tradizioni lombarde’.
Durante la giornata si susseguiranno gli interventi d’importanti esponenti politici del partito ma soprattutto sarà questa la prima uscita ufficiale del candidato sindaco del Carroccio. In questa circostanza, inoltre, sarà presentato il sito di Silvia Scurati www.silviaperbareggio.it.
Un sito che vuol diventare insieme alla sua pagina Facebook un luogo d’incontro e di dialogo con le diverse realtà della società civile bareggese.
“Bareggio esce da una situazione politica ed amministrativa che la Lega nord ha avuto il merito di sapere interpretare. Oggi -commenta Silvia Scurati stiamo continuando il lavoro, ormai avviato da tempo, di ascolto e recepimento delle istanze del territorio, per rilanciare al meglio il nostro paese. Crediamo infatti che il mondo associativo e produttivo rappresentino delle realtà preziose per Bareggio. Il progetto è quindi quello di completare, con l’aiuto di tutti, gli appunti di programma, arrivando alle elezioni con un progetto credibile, affrontando seriamente le tematiche individuate. Il mio auspicio è pertanto quello di raccogliere in queste settimane proposte e spunti programmatici da tutte le forze vive della città.
Sono convinta che l’ascolto sia la prima dote che deve possedere un buon amministratore tanto più a livello locale  -continua Scurati– in quest’ottica, il mio sito internet vuole essere un’occasione in più per discutere e avviare un percorso condiviso per la Bareggio del domani. Una Bareggio sicuramente migliore, più libera, più sicura e più aperta dove tutti possano sentirsi davvero protagonisti”.

Lascia un commento