Latest News
Latest News
L’opposizione (Insieme per la libertà) insiste e rilancia che il bilancio comunale non è alle prese con nessuna sofferenza. 
Sì, a sentire l’ex sindaco Enzo Tenti, i conti sono a posto, anzi, a suo dire, “abbiamo posto Vittuone in una condizione di una sicurezza economica che bisogna solo avere il coraggio di riconoscere”. 
E sfida l’assessore al bilancio Enrico Bodini a dimostrare il contrario e se proprio non si convince che l’esercizio non è in sofferenza si rivolga al suo gruppo per farsi aiutare. 
Intanto EnzoTenti e Alessandra Lucchesi indicano dove e come reperire le risorse: 1,5 milioni di euro dal piano integrato facendo rispettare la convenzione; 1,5 milioni di euro dalla farmacia vendendo la sua parte di società e non deliberando l’apertura di un nuovo presidio. Eppoi altri 2 milioni di euro dalla società che gestisce “il Gelso” se solo il Pd, che oggi è al governo di  Vittuone, ritirasse il ricorso al Tar che ha promosso prima delle elezioni.
La cifra, che peraltro il Comune ce l’ha in cassa, verrebbe immediatamente svincolata e utilizzabile; 50 mila euro dal consorzio Tutela Ambientale del Magentino SpA, di cui il Comune possiede il 2,5%, non ha mai distribuito utili nel corso degli anni e ora si ritrova con un “tesoretto” da 10milioni. Sono soldi che devono restare sul territorio e i Comuni dovrebbero richiedere la loro parte prima che il processo di fusione tra le società del settore idrico li faccia finire (e sparire) nel calderone. 
Sono proposte fattibili o solo propagandistiche?
In municipio non hanno dubbi: solo pressapochismo che conferma anche dai banchi della minoranza di essere un’opposizione pressapochista. 
Intanto l’amministrazione comunale sta studiando misure per rientrare dagli 800.000 euro in meno incassati con l’Imu. 
A quando la prossima puntata?

Lascia un commento