Latest News
Latest News

Ma che sta succedendo al Partito democratico? Dovrebbe essere la forza-guida dell’area del centrosinistra e si ritrova inaspettatamente al palo. Sì, perché in vista dell’appuntamento elettorale del prossimo anno vorrebbe confrontarsi con i possibili partner, ma curiosamente non riesce a trovare interlocutori. Infatti Rc, Noi con voi, Io amo Bareggio hanno declinato l’invito a vedersi per un primo contatto, per verificare se esistono punti comuni su cui confrontarsi per eventualmente costruire l’alleanza. Una situazione imprevista e dai contorni lievemente kafkiani. Ma tant’è.
Un singolare attendismo che minaccia di tenerlo prima sulla corda e poi di isolarlo. Sicuramente è la spia di un malessere che non è spiegabile con il fatto che i potenziali partner del Pd vogliono aspettare per vedere che candidato esprima e sostenga. C’è anche questo, ma la ragione vera, aldilà delle espressioni di circostanza per non rivelare le vere intenzioni, è riconducibile alla difficoltà di confrontarsi con un Pd che non si è rinnovato, che esprime da anni lo stesso gruppo dirigente, che fatica a sintonizzarsi con i cambiamenti, che è soprattutto autoreferenziale.
 Il rischio che annusandosi a distanza in attesa della prima mossa pregiudichi la costruzione di una casa comune non è un dettaglio trascurabile. Se oggi neppure un dialogo a distanza si riesce a imbastire appare complicato che domani si possa creare qualcosa di solido. Con la fretta e la furia non si costruisce nulla e soprattutto senza la partecipazione e la trasparenza nelle scelte non si va da nessuna parte. Forse cambiando gli attori anche il clima e gli scenari potrebbero d’incanto cambiare e sentire l’esigenza di dialogare. Provare per credere.

6 thoughts on “BAREGGIO Perché nel centrosinistra non si riesce a dialogare?”
  1. Cambiando gli attori ? intendi cambiando segretario ? perché' ancora i candidati a Sindaco ufficialmente non si sanno… oppure presentando un candidato diverso?

    Ciao
    Stefania , M5S Bareggio

  2. Il Pd a Bareggio è stato fondato nel 2008 con un congresso democratico e partecipato che ha eletto per la prima volta un gruppo dirigente e un "segretario/coordinatore".
    Poco dopo, nell'aprile 2008, ci sono state le elezioni amministrative (con la vittoria del centrodestra) alle quali il Pd ha partecipato, per la prima volta come tale, eleggendo in consiglio comunale sei rappresentanti.
    Nel gennaio 2010 un nuovo congresso ha eletto un gruppo dirigente rinnovato ed un nuovo segretario che, essendo in quel momento il capogruppo del Pd in consiglio comunale, è stato di seguito sostituito da un nuovo capogruppo, e per la prima volta nell'esperienza amministrativa locale una donna è stata eletta alla guida di un gruppo consiliare importante come quello del Pd.
    Oggi, della segreteria del Pd bareggese non fa parte nessuna persona che abbia svolto ruoli analoghi nelle segreterie dei partiti che hanno fondato il Pd quattro anni fa.
    Del gruppo consiliare del Pd bareggese fanno parte sei persone, di cui solo una ha svolto ruoli di direzione politica in un partito fondatore del Pd. Tutti gli altri, attualmente facenti parte del gruppo consiliare o della lista elettorale presentata dal Pd alle elezioni del 2008, sono persone di diversa provenienza: di genere, politica, amministrativa, culturale o sociale.
    Pd vecchio, autoreferenziale, non sintonizzato con i cambiamenti? Già.
    E chi sarebbe il nuovo, proiettato sul mondo, sintonizzato con il cambiamento?
    E ancora, quale cambiamento: anche Berlusconi a suo tempo è apparso come il nuovo che avanzava?
    Lo si dica, di grazia!
    Si dica chi- a Bareggio o altrove – ha agito ed agisce e pratica la democrazia ed il rinnovamento più e meglio del Pd!
    Altrimenti è solo uno sterile bla bla che fa il verso ai vari saputoni che passano i giorni a spiegare al Pd cosa deve fare, e come deve cambiare, mentre loro stanno lì a pontificare, immobili come cariatidi a fissare un mondo che giustamente li ignora.

  3. mi dispiace escano articoli come questi…perchè fare articoli con doppie finalità e non corretti nel contenuto?
    Sono segretario di rifondazione e a memoria non ricordo di aver negato l'incontro a nessuno. Perchè allora viene scritto questo? Forse perchè si preferisce il divide et impera? Peccato, si poteva sperare in approcci differenti per avviare la campagna elettorale dell'anno prossimo a Bareggio.
    Come circolo, e come è la storia di come il nostro circolo affronta le elezioni, a noi dei vari candidati e candidature non ci interessa un fico secco se prima non si entra nel merito delle questioni. Per l'ennesima volta si vuole fare il giochino del totocandidati? Mah…a che pro? Mica aspetto il candidato di nessuno…questo personalismo in politica mi disturba assai, servono le persone ok, ma sono persone che devono portare avanti un programma mica la loro buona faccia o il loro essere delle persone per bene. Alla base ci sono degli argomenti non delle facce…

    E comunque, giusto per informazione, l'attendismo non è proprio di rifondazione dato che abbiamo già avuto incontri con partiti e non-sinistrati ed è da luglio 2010 che stiamo lavorando sugli argomenti. E gli argomenti sono bilancio partecipato e urbanistica partecipata, consumo di suolo 0, decisioni partecipate sull'annosa questione Villa Arcadia, ridefinizione della politica tariffaria e altro.
    Comunque è un vero peccato escano articoli così, il rischio è solo quello di avere una non corretta informazione. Torno quindi alla domanda, a che pro??? A chi conviene tutto ciò?
    Simone Baroni – segretario PRC Bareggio

  4. comunque Domenico, nulla cambia per incanto…fosse così semplice…serve la volontà…e non è sufficiente che cambi l'attore…perchè l'attore porta dei contenuti…e può succedere che cambiano in continuazione attori ma gli argomenti no.
    E' cambiato qualcosa mettendo Alfano al posto del nano?
    SimoPrc

  5. Puo essere che il PD non si sia ancora riuscito a confrontare perché il resto dell'attuale classe politica non si è rinnovata ed e' rimasta arroccata sui vecchi pregiudizi da prima Repubblica .

    In effetti se si analizzano i membri e attivisti dei partiti e liste civiche bareggesi, sono gli stessi del 2008 ma soprattutto i medesimi da 10 anni a questa parte se non in qualche caso da 20 a questa parte ( vedi Alberino, Giuliano & Co).

    Il ricambio generazionale e la nuova politica, in quale figura nuova e giovane del PDL, della LEGA, di Io Amo Bareggio, di Voi con NOI, IDV, di PRC, può' considerarsi tale, PUNTO DI DOMANDA ?

    saluti
    Ivan

Lascia un commento