Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

Il consiglio comunale è stato convocato per martedì 28, alle 19, ma non per discutere la mozione dell’opposizione volta a sfiduciare il vicesindaco Davide Rossi, reo di uso improprio del pass disabili.  La mozione può aspettare visto che ha tempo 30 giorni dal 15 maggio in cui è stata presentata dalle minoranze. L’amministrazione comunale ha ritenuto più importante occuparsi del piano della viabilità urbana che di un tema etico, che pure un tempo non troppo lontano era per i 5 Stelle sedrianesi più che prioritario. Ma i tempi cambiano così come i ruoli e tutto sfuma in un relativismo disinvolto. Certo, come osserva Sinistra di Sedriano, “se questo comportamento fosse stato ascrivibile a qualsiasi politico non ‘stellato’ statene certi sarebbe successo un finimondo. Giustamente! Invece a Sedriano rischia di andare in scena la replica di quanto avvenuto in parlamento. Per la serie… Ruby, la nipote di Mubarak.
Probabilmente chi ha cavalcato l’onda durante la campagna elettorale del 2015 con  -‘l’onestà tornerà di moda’- non farà sicuramente una bella figura”.  SdS si dice anche consapevole che la mozione sarà respinta dalla maggioranza, ma parlandone “in una seduta pubblica, dove saranno presenti sia i cittadini che i media nazionali, sarà molto più difficile giustificare la strana e grottesca vicenda relativa ai pass per disabili usati, più volte, con disinvolta superficialità dal vicesindaco”.  Insomma, a suo dire, “ci vorrà un folto pelo sullo stomaco per affermare che il vice sindaco ha confuso il pass, che è stato un semplice errore di distrazione, ecc. ecc. E diventerà sempre più problematico continuare a governare pretendendo dai sedrianesi il rispetto di quelle regole che lo stesso vicesindaco ha ignorato, e la giunta 5 Stelle ha allegramente e penosamente giustificato. Non solo. Chi voterà contro la sfiducia creerà anche un pesante precedente sul proprio curriculum per eventuali e future cariche elettive, degno della peggior politica…”.

Lascia un commento