Latest News
Latest News

Il Comune è sempre più smart. Sì, con l’attivazione del servizio PagoPA il percorso di digitalizzazione segna un’altra significativa tappa. Un’importante innovazione che permette di pagare i tributi comunali, in modalità elettronica (24 ore su 24), senza doversi recare a un istituto bancario, scegliendo tra diverse forme di pagamento come bonifico, carta di credito o debito. Non solo. Sono possibili i pagamenti di importi per i quali l’ente aveva già inviato un documento (avviso, fattura o sollecito di pagamento) con la cifra già calcolata, oppure pagamenti “spontanei” (o in autoliquidazione) in assenza di avvisi (ravvedimenti operosi ad esempio). 
L’utente ottiene immediatamente la ricevuta di pagamento con valore liberatorio. Ma quali pagamenti sono possibili? Servizio asilo nido, servizio assistenza domiciliare/mensa a domicilio, servizi sociali diversi, servizi scolastici (pre-post scuola, trasporto, centro estivo), riscossione coattiva, riscossione violazioni (tassa sui rifiuti, violazioni codice della strada, regolamenti comunali), riscossione Icp e affissioni, Tosap, canoni patrimoniali. “La semplificazione  -spiega l’assessore Marco Gibillini– non è ancora terminata, nella proposta del prossimo bilancio triennale vi è la soppressione dei diritti di segreteria per i certificati anagrafici, ovvero di quei rimborsi in cui spesso l’onere della riscossione è più elevato rispetto al corrispettivo ricevuto (spesso inferiore all’euro), e che spesso infastidiscono il cittadino già tartassato da ben altre imposte. Si tratta di un percorso lungo che ai più sembra semplice, ma che richiede invece attivazione di diversi contratti, riorganizzazione interna, interfacciamenti con le procedure operative e gestionali, rispetto di tempi e leggi. Basti pensare, ad esempio, l’abolizione dei diritti di segreteria è possibile farla solo in fase di redazione di bilancio, non in altri periodi del percorso amministrativo, perché anche questa è un’altra riduzione di entrata per le casse comunali, attuata dall’amministrazione“.

Lascia un commento