Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

Le nuove modalità di pagamento della refezione scolastica approdano in consiglio comunale. Infatti il consigliere Simone Ligorio (M5S) ha presentato un’interrogazione per chiedere conto della novità che sta causando qualche problema di troppo. Il tutto per via della decisione della società Gemeaz Alior Spa, che gestisce il servizio, di introdurre il buono cartaceo e di eliminare per contro il sistema di addebito bancario. La misura, secondo Ligorio, non facilita le famiglie, in quanto il buono deve essere consegnato direttamente dai bambini e non vi è alcun controllo o responsabilità delle insegnanti e operatori scolastici (giustamente) con un elevato rischio che lo stesso sia smarrito.

Inoltre non è conforme a quanto proposto nell’offerta tecnica con la quale la ditta si è aggiudicata la gara. E come se non bastasse dalle segnalazioni pervenute è emerso che il sistema presenta delle criticità, in quanto a famiglie, pur avendo consegnato il buono, l’è stato detto che il pagamento non risulta. Al danno anche la beffa. Da qui l’interrogazione per chiedere che provvedimenti abbia preso l’amministrazione nei confronti della Gemeaz in quanto il servizio non è conforme all’offerta tecnica; quali siano le ragioni per le quali non è stata coinvolta la commissione istruzione su questa diversa modalità di pagamento dei servizi; entro quanto tempo le modalità utilizzate sino all’anno scorso saranno ripristinate; quali altre azioni stia intraprendendo l’amministrazione in merito ai disagi rilevati dagli utenti.

Lascia un commento