Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
L’amministrazione comunale con il sindaco Luciano Bassani in testa stringe i tempi per acquistare la sede della polizia locale di via Grandazzi in San Pietro all’Olmo. L’operazione, che doveva essere bell’e definita da almeno un paio d’anni, giunge invece al traguardo a legislatura morente. Una scelta  che in questa fase appare improvvida e inopportuna, ma che Bassani vuole a tutti i costi e in fretta concretizzare più che altro per lasciare una testimonianza visibile del suo “invisibile” transito amministrativo. Una sorta di monumento per riscattare in extremis agli occhi dei cittadini la sua impalpabile esperienza amministrativa. La determinazione non è indolore per le casse municipali, poiché l’investimento ammonta in circa 460.000 euro. Una cifra notevole che forse a fine mandato sarebbe stato di gran lunga meglio destinare alla sistemazione di strade e marciapiedi che non se la passano bene, ma la lungimiranza evidentemente non è granché di casa in municipio. Del resto preferire acquisire la sede quando le strade sono malconce significa non capire le priorità della città e perdipiù esporsi alla vigilia delle elezioni comunali al severo giudizio degli elettori. L’amara sconfitta dell’ex sindaco Pompilio Crivellone non ha insegnato nulla ai vertici comunali, non ha insegnato che ai cittadini interessa che le strade siano funzionali e non già le grande opere. L’acquisto della caserma dei vigili poteva benissimo essere rimesso alle decisioni della nuova amministrazione comunale, ma così non pare che si voglia fare. L’operazione è destinata ad approdare in aula consiliare nella prossima seduta. Bassani spera che venga approvata all’unanimità, poichè a suo era stata approvata da tutti i gruppi consiliari la mozione per impegnare la giunta ad acquistare l’immobile. Ma oggi lo scenario e le esigenze non sono più gli stessi di allora e potrebbero registrarsi clamorose sorprese.

Lascia un commento