Latest News
Latest News

“Chi l’ha visto” il progetto per la sicurezza urbana? L’assessore Gabriele Montrasio aveva propagandato le magnifiche virtù della rete di videosorveglianza da installare per tenere sotto controllo il territorio, ma a pochi mesi dalla conclusione della legislatura il progetto resta ancora -si fa per dire- nel cassetto. Eppure la sicurezza doveva essere il marchio di fabbrica del suo assessorato e del suo partito (Lega nord), ma alle parole non sono seguiti i fatti. La  videosorveglianza si è risolta in uno slogan che vale per tutte le stagioni. La polizia locale, il cui comandante è stato scelto dal sindaco, fatica a fare del proprio meglio, se è vero che neppure  sinora è riuscita a stroncare il malvezzo dei mezzi pesanti di percorre via Manzoni. Il bilancio non è esaltante.
Certo per l’assessore è più facile parlare che fare, ma così è veramente troppo. Il sindaco Luciano Bassani, che è del suo stesso partito, avrebbe dovuto e potuto aiutarlo, ma forse pensa all’acquisto della sede dei vigili. Insomma è proprio vero che la sicurezza conta solo in campagna elettorale…  Una disarmante inefficienza, ma tant’è. Percepire l’indennità di carica per far poco o niente non è il massimo per la comunità. Non solo. A un anno dalla mozione, approvata all’unanimità dal consiglio comunale, per l’acquisto della sede della polizia locale non si è fatto nulla. Pensare ora, alla vigilia delle elezioni amministrative, di impegnare 490.000 euro per l’acquisizione non sembra né lungimirante né opportuno. Il guaio è che la somma resta bloccata e Dio sa quanto sarebbe meglio che fosse disponibile e destinata anzitutto per sistemare le strade che, com’è noto, sono decisive per perdere o vincere le elezioni. Bassani sicuramente non si è dimenticato che il giorno in cui è uscito vincitore dalle urne le strade cittadine erano sottosopra per lavori. Solo un caso? No, un capolavoro di insipienza della giunta Crivellone per accelerare la sua uscita di scena.

Lascia un commento