Latest News
Latest News
Un “corvo” si aggira per Sedriano. Sì, proprio un “corvo, che sembra ammaestrato per le vittime che si è prescelto di colpire, ha virato deciso sul municipio per destabilizzare con il sospetto e i veleni la maggioranza. Infatti lettere anonime sono state recapitate all’assessore Linda Ghidoli e al presidente del consiglio comunale Betty Cattaneo con cui il “corvo” le invitata a svegliarsi dal torpore e incominciare a esaminare con attenzione la convenzione Bennet.
La singolarità è che gli argomenti adoperati non sono per niente rivelatori di qualche presunto oscuro maneggio, anzi, a parte qualche parola per depistare, sembrano saccheggiati da un’interpellanza approdata ultimamente in consiglio comunale.

Più che le lettere in sé, che non denunciano nulla di nuovo o di scandalistico, sono semmai i destinatari delle missive anonime che lasciano intravedere un possibile disegno destabilizzante. Infatti non a caso le lettere sono state mandate a due esponenti, che durante le recenti vicende che hanno coinvolto la vita politico-amministrativa, sono stati oggetto di forti pressioni da più parti per indurli a gettare la spugna. 
Ma non l’hanno fatto. Il “corvo”, evidentemente, etichettandoli tuttora come l’anello debole della compagine amministrativa, ha provato con l’iniziativa in sè a spruzzare sostanze tossiche e fango per indebolire, seminare discordia e dubbi. 
Gli effetti però non sono stati quelli che magari l’anonimo estensore delle lettere si aspettava. Infatti il sindaco Alfredo Celeste, dando tempestivamente conto delle missive al consesso civico di martedì 30, le ha più che metaforicamente gettate come cartastraccia nel cestino.

Lascia un commento