Latest News
Latest News

La messinscena è finita, anche se a testa bassa per l’imbarazzante situazione.
Il bilancio 2012 è stato infatti approvato ieri notte in una seduta consiliare surreale. 
I due consiglieri del Pdl “dissidenti” Francesco Capuano e Claudio Burani si sono presentati in aula e come se nulla fosse hanno alzato la mano per approvare l’esercizio. Nessun intervento, nessun accento alle ragioni della loro defezione dello scorso 29 giugno. Niente di niente. 
La perfetta sceneggiata di un film con una trama già scritta e con un epilogo scontato: andare avanti rassegnatamente. Lo stesso capogruppo Manlio Pastorino (Pdl)nel suo intervento ha sorvolato disinvoltamente sulla crisi e si è concentrato sui contenuti del bilancio. 

Una seduta in cui è parso chiaro che i consiglieri della maggioranza hanno detto sì al bilancio non per convinzione, ma solo per non apparire davanti all’opinione pubblica i responsabili della fine anticipata della legislatura, i “carnefici” della giunta Gibillini. Hanno preferito rassegnatamente e con un’aria patibolare tirare a campare, ma con il vantaggio di tenere sotto scacco Gibillini. Il che, dal loro punto di vista, non è un dettaglio secondario. Tuttavia se il rischio di terminare anzitempo la legislatura è venuto veno, restano le profonde divisioni fra Gibillini e i maggiorenti del Pdl che al momento sono coperte dall’apparente unità che si è raggiunta con l’Ok al bilancio.
 Certo il primo cittadino ce l’ha fatta, ma non può cantare vittoria, perché resta ostaggio del Pdl e a sua volta il Pdl è ostaggio della “ragione di stato” . “La seduta -ha affermato Enrico Montani (Noi con voi)- è stata l’epilogo di 4 anni di politica fallimentare e profondamente sbagliata che ha prodotto una frattura, un insanabile disaccordo politico fra sindaco e maggioranza, la quale ha concesso a Gibillini una sovranità limitata come dimostrano il no al regolamento del giornale comunale per non darle in mano un potente strumento di comunicazione e alla commissione regolamenti”. 
Il Partito democratico non è stato da meno nell’evidenziare il fallimento della giunta Gibillini e dei danno causati alla città. E così, dopo l’approvazione del bilancio, ci saranno magari altre scaramucce in attesa delle urne della prossima primavera, ma lo scoglio più difficile è stato superato. Gibillini ha salvato la poltrona, il Pdl forse le apparenze.

4 thoughts on “BAREGGIO Crisi archiviata: la maggioranza si ricompatta e approva in un’atmosfera surreale il bilancio, ma Gibillini resta ostaggio del Pdl”
  1. Sarebbe una farsa se non fosse una tragedia per Bareggio ed i suoi abitanti.
    Ci sarebbe da vergognarsi da parte di questi reggitori incapaci (e senza pudore) della pubblica amministrazione bareggese se non fosse che nei loro ranghi la dignità politica (e non solo quella) si può pesare solo con il bilancino del farmacista: di fatto si è volatilizzata.
    Bene ha fatto l'opposizione ed il Pd in particolare a denunciare pubblicamente questo inverecondo andazzo.
    In attesa del giudizio popolare alle prossime elezioni comunali.
    mfp

  2. Questo sindaco e schiavo di se stesso ed e giusto che il bilancio sia stato aprovato e che la sindaca arrivi alla scadenza naturale cosi non si può permettere di dire non mi hanno fatto finire perchè ….qualsiasi perchè è innaturale, pensate che sabato sera a Bareggio si svolgerà la più importante inizziativa di questi ultimi anni e l'amministrazione non è stata neppure invitata e per ripicca per pura ripicca questo sindaco fa pagare la tassa per occupazione del suolo, VEROGNA dopo essere stato a Sedriano sabato scorso o a Corbetta stasera mercoledi tutti possono andare a vendere senza nulla pagare, questo è sufficiente per dire SINDACO BASTA CI HAI ROTTO I COGLIONI VATTENE SEI UNA INCAPACE SEI UNA BUROCRATE E SE NON SEI CAPACE DI ASSUMERTI LE TUE RESPONSABILITA' CORRI VIA E PORTATI " IO ODIO BAREGGIO" E QUESTI DI QUESTA GIUNTA COSI VECCHIA E INGESSATA E QUEL GARAVAGLIA ESPRESSIONE PIU' IMPORTANTE DEL MONDO CIELLINO DI BAREGGIO E DEL TERRITORIO, ASS. AI GIOVANI MA QUALLI GIOVANI? MA QUALLI.. AS. ALLA SCUOLA MA QUALLE SCUOLA?VERGOGNATI E ABBI IL CORAGGIO DI DARE UN CALCIO AL TUO SINDACO E TU DI RITIRARTI IN BUON ORDINE.

  3. Formigoni, dimettiti! Gibillini, ritirati! Garavaglia, astieniti!
    Comunionisti e liberatori, aprite gli armadi e scioglietevi prima che vi sciolga la magistratura|

Lascia un commento