Latest News
Latest News
Che la giunta Gibillini sia in agonia da tempo è noto non solo agli addetti ai lavori. E quello che è andato in scena ieri sera (venerdì 29) è la conferma del suo grave stato comatoso e se nessuno ha sinora staccato la spina è stato solo per forza d’inerzia. 
Ma stavolta sembra proprio che sia arrivato il momento per certificare il decesso del grande ammalato che si rifiuta di passare a miglior vita per il bene della comunità. 
La maggioranza, salvo ricompattamenti in corsa, non c’è più e di conseguenza la fine anticipata della legislatura.
Ma cosa è successo? 

L’approvazione del bilancio 2012, delle aliquote Imi e dell’esercizio pluriennale del triennio 2012/2013 è saltata. Il presidente Roberto Pirota alla prima convocazione delle 20 non ha potuto non constatare che mancava il numero legale. L’evidente spia del malessere che sconquassa la maggioranza Pdl-Io amo Bareggio e che manifestandosi proprio nel momento in cui si sarebbe dovuto dotare la città delle risorse per essere governata, conferma che la coalizione è arrivata al capolinea. Tuttavia Pirota ha atteso il momento della seconda convocazione delle 21, ma neppure nella circostanza si sono presentati i 2 consiglieri del Pdl per assicurare la maggioranza. Troppo per l’opposizione, che non si è lasciata sfuggire l’occasione per allontanarsi compattamente dall’aula e lasciare l’amministrazione Gibillini in brache di tela. Insomma che sia essa stessa, sempreché sia capace, a togliere le castagne dal fuoco. Non era mai successo negli ultimi 30 anni di politica bareggese che mancasse il numero legale per approvare il bilancio. Neppure questa incredibile messinscena è stata risparmiata alla città.
“Quello che si è visto ieri sera -afferma Ivan Andrucci del Pd- è da considerarsi la definitiva presa d’atto che probabilmente la maggioranza che ha permesso alla Gibillini di vincere le elezioni non esiste più. Il sindaco Gibillini deve ammettere di non avere più i numeri per governare e trarre le conseguenze. Se anche davanti a quest’atto facesse finta di niente, allora diventerebbe sin troppo evidente e confermata la sua linea secondo la quale, giunta a questo punto, avrebbe l’obiettivo di creare terra bruciata attorno a se, di modo da deviare le responsabilità di questa disfatta sulla sua maggioranza col fine di ripresentarsi nuovamente alle elezioni nel 2013. Per quanto ci riguarda -continua Andrucci-, come Partito democratico, abbiamo cercato apertamente di creare le condizioni per porre fine a questa esperienza amministrativa a nostro avviso decisamente negativa per il nostro Comune.  Non ci siamo riusciti (lo vogliamo dire) non per nostra precipua responsabilità. Una più forte e conseguente sensibilità politica da parte di tutte le forze di opposizione e una maggiore coerenza politica e anche personale da parte di diversi esponenti di questa maggioranza avrebbe  facilitato il raggiungimento dell’obiettivo. Saranno gli elettori a dire la loro quando sarà il momento”.


One thought on “BAREGGIO “Salta” il bilancio 2012, la giunta Gibillini è arrivata al capolinea?”
  1. Se Gibillini e il PdL avessero un poco di sensibilità politica e istituzionale avrebbero già tolto il disturbo. Ma il cocktail paura-arroganza fa premio sulla coerenza politica e sul rispetto dell'elettorato e allora…avanti con questa indegna pantomima. Tanto, le spese le paga pantalone, cioè i cittadini di Bareggio, a cominciare da quelli che li hanno votati e che non si scorderanno il modo in cui sono stati trattati.

Lascia un commento