Latest News
Latest News
L’incontro pubblico, davanti a un pubblico, purtroppo, costituito da addetti ai lavori, sulla presentazione  di Cap Holding del progetto sui pozzi a Cascina Croce, è servito a fare chiarezza e a dissolvere dubbi e perplessità. Infatti i rappresentanti di Cap hanno spiegato in modo chiaro che la realizzazione dell’opera passerà attraverso la  valutazione d’impatto ambientale  e l’autorizzazione di una serie di enti (circa venti). 

Insomma le garanzie nell’eventualità che l’intervento decolli ci sono tutte. “Le polemiche -afferma l’assessore ai lavori piubblici Dario Ceniti– espresse dai consiglieri del Pd  Mary Vono e Carlo Meregalli, nei loro interventi,  sono del tutto inutili e inconsistenti. Non esistono a oggi, come  affermano, relazioni da parte di esperti che esprimono pareri negativi sulla questione. E’ scorretto, dunque, disinformare i cittadini  poiché s’ingenerano dubbi e preoccupazioni inutili. Simili atteggiamenti sono sicuramente da condannare essendo solo speculazioni politiche di parte su una scelta che non può che essere essenzialmente tecnico-scientifica e in particolare idrogeologica”. Comunque sia da circa cent’anni gli acquedotti sono interconnessi tra tanti Comuni e l’acqua cornaredese, da sempre, è in circolazione congiunta con i paesi limitrofi. In questo quadro s’inserisce il concetto di  fabbrica dell’acqua  la quale non può che essere concepita cercando la miglior soluzione sia come localizzazione sia qualità. Naturalmente la scelta della zona, dove realizzare la struttura, non può che derivare da studi scientifici approfonditi  e  non da inutili battaglie politiche. “Sarà, quindi -aggiunge Ceniti-, la valutazione d’impatto ambientale che ci dirà se la scelta è la migliore.   Concludo rilevando che appare contraddittorio sostenere (come fa il Pd) che l’acqua è un bene comune nazionale per poi smentirsi dichiarando che, nel nostro caso, la stessa è di esclusiva proprietà dei cornaredesi. Decida il Pd, in modo definitivo, quale linea seguire con coerenza.

Lascia un commento