Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

Il solito tormentone di ogni anno accompagna l’organizzazione del trasporto scolastico. E sì, secondo la lista Bareggio 2013, la giunta Colombo riguardo i servizi per le famiglie con figli in età scolare continua a faticare a organizzare l’attività con tempestività e adeguatezza. Anche quest’anno qualche decina di bambini/e è stata esclusa infatti dal centro estivo comunale con i conseguenti disagi su bambini/e nonché sulle loro famiglie e anche quest’anno per il trasporto scolastico non si conosce ancora il gestore. Il recente annuncio con cui il sindaco fa sapere che è stato pubblicato il bando di gara per individuare il nuovo gestore riporta il termine per ricevere le candidature delle ditte il 22 luglio.

«C’è tuttavia da registrare un passo avanti della giunta sullo scuolabus – afferma Elena Oldani componente della commissione istruzione per la Lista civica Bareggio2013 -, la gara prevede infatti una durata con il nuovo gestore fino al 2029. Dovrebbe dunque essere l’ultimo anno in cui ci si trova a fine giugno senza conoscere chi gestirà il servizio e soprattutto a quale costo».

«Nel consiglio comunale aperto ai cittadini dello scorso febbraio – ricorda il consigliere comunale Monica Gibillini (Lista civica Bareggio20139 – il sindaco, ha affermato che le tariffe a carico delle famiglie dipendono dalla gara e dall’eventuale ribasso del costo che potrebbe esserci a seguito del quale l’amministrazione farà le valutazioni sulla tariffa a carico delle famiglie.

Inoltre, nel programma elettorale del sindaco c’era l’impegno a identificare per questo servizio una soluzione innovativa e alternativa per un risparmio di costi. Ci auguriamo dunque che la giunta col bando tenga fede all’impegno e che le iscrizioni vengano aperte al più presto non appena ci sarà certezza sul gestore e sul costo del servizio senza rincari per le famiglie utenti che hanno già dovuto sopportare dal 2022 un aumento del 100% della tariffa.

Si tratta, infatti, di un servizio di cui le famiglie hanno necessità per la conciliazione dei tempi famiglia-lavoro. Nonostante le vicissitudini che il servizio ha subito negli ultimi due anni a causa della disorganizzazione del Comune, infatti, nell’ultimo anno scolastico ci sono stati 62 utenti».

Lascia un commento