Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

L’amministrazione comunale non ci sta alle critiche del consigliere Zanzottera e con l’assessore Franco Capuano puntualizza.

Rispetto all’anno precedente, le domande accolte per quanto riguarda la scuola primaria sono passate da una media di 70 bambini a settimana a una media di 90 a settimana. Se consideriamo i bambini residenti a Bareggio con entrambi i genitori che lavorano, la media settimanale degli esclusi è passata da 37 a 23. Per quanto riguarda invece la scuola dell’infanzia, a differenza degli anni scorsi, nessun bambino residente a Bareggio è rimasto fuori.

Certo, si può sempre fare meglio, ma direi che uno sforzo è stato fatto e i risultati lo confermano. E’ altresì evidente che, per motivi di bilancio e di spazi a disposizione, non è possibile organizzare un centro estivo per tutti i bambini frequentanti le scuole di Bareggio e San Martino, che sono più di mille. Tengo comunque a sottolineare che per i centri estivi quest’anno spendiamo 191.000 euro (avendo una copertura con le tariffe di circa il 25%) che è una cifra importante.

Nei giorni scorsi abbiamo avuto un incontro chiarificatore con alcune mamme, durante il quale sono emerse alcune richieste e osservazioni che terremo in considerazione per il futuro. Ritengo che il contributo di tutti, quando è costruttivo e non polemico a prescindere, sia importante per il miglioramento dei servizi.

Sottolineo anche che questo bando risale a quattro anni fa. Fino a quel momento, la richiesta era inferiore e nessuno rimaneva escluso: anche per questo il bando era stato impostato su quei numeri, perché all’epoca non era possibile prevedere un incremento così forte della richiesta. Ora l’anno prossimo scade l’appalto: terremo conto delle criticità emerse in vista del nuovo bando.

Lascia un commento