Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

Il 2023 nelle promesse dell’amministrazione comunale è l’anno in cui il paese è destinato a cambiare volto. Infatti si ripromette di completare sia le opere già avviate che mettere mano alle sistemazioni per utilizzare al meglio il patrimonio edilizio comunale. Il sindaco Laura Bonfadini e l’assessore ai lavori pubblici Roberto Cassani in questa nota illustrano gli interventi che hanno in serbo. Con i piani già previsti si proseguiranno le asfaltature, intervenendo nel tratto di via Volontari della Libertà verso la stazione ferroviaria, nella parte finale di via Trieste a confine con Sedriano, oltre alle vie San Martino, del Carso, Gorizia, Baracca, Zara, 2 Giugno, Volturno ed il parcheggio di via Olof Palme. In aggiunta a questi lavori, si investiranno ulteriori somme per i marciapiedi delle vie Volontari della Libertà, Piave, Dante, Bixio, Volturno, Olof Palme, Nenni e Zara. Per quanto riguarda il patrimonio immobiliare pubblico si ha intenzione di intervenire sugli edifici di via Zara (ex sede della Pro Loco) e di via Gramsci (attuale sede dell’Ambulatorio), che sarà destinata completamente alle associazioni locali. Per quest’ultima si rende necessaria una ristrutturazione completa, dal seminterrato alle opere d’isolamento. La progettazione prevede spazi comuni a tutti e altri riservati ad uffici. A occuparsi del coordinamento, come stimolo e punto di coesione delle diverse realtà associative, potrebbe essere la Pro Loco alla quale si augura di ripartire al più presto. Come sempre ribadito, le associazioni sono un patrimonio di tutti, di tutta la Comunità locale e meritano una sede adeguata. Per dare conseguentemente posto all’attuale ambulatorio, in attesa della casa della comunità, è in vista la ristrutturazione dell’ex sede della Pro Loco, convertita ad un uso sociosanitario (prelievi, prestazioni infermieristiche e altro), in considerazione della posizione facilmente raggiungibile dal centro e la disponibilità di parcheggi. Nei progetti è previsto il necessario adeguamento del teatro Tresartes e dell’asilo nido alla normativa per la prevenzione incendi. Sul Teatro sarà necessario procedere altresì con lavori di manutenzione straordinaria. Si vorrebbe inoltre arricchire con nuovi giochi e pavimentazione antitrauma i parchi di via Piave, di via Cadorna, di via Gramsci (reso completamente indipendente dall’edificio scolastico attiguo) e il parco Lincoln con la sostituzione del castello, nonché l’installazione di nuove panchine e cestini portarifiuti. Proseguiranno nella Villa Venini i lavori, ormai avviati da oltre un anno, sulle varie parti del complesso architettonico. Il compendio della villa è frazionato in tre proprietà, delle quali due di carattere privato. Pertanto, ogni intervento pubblico va a favore anche dei privati, che non stanno facendo alcuno sforzo in tal senso. Acquisire in passato la villa non nella sua integrità, ma solo una parte e senza un progetto cui destinarla, è stato l’errore di base, delle cui conseguenze paghiamo oggi l’onere economico. Anche il centro Mike Bongiorno è oggetto della progettazione dell’amministrazione e dovrà essere sottoposto a riqualificazione della struttura e alla manutenzione straordinaria degli impianti. Finora è stato raccolto l’interesse di vari operatori, ma nessuno ad oggi ha presentato proposte concrete e, una volta preso atto delle condizioni della struttura – estremamente “energivora” – tutti si sono tirati indietro. Il Comune, quindi, se non perverranno progetti sostenibili da parte di altri soggetti privati, che dovranno essere attuati attraverso una gara pubblica, procederà sulla base di una propria iniziativa progettuale. E questa non è l’unica struttura sportiva sulla quale intervenire, considerando che tra poco scadono le omologazioni dei campi da calcio che ne consentono l’uso. Nel complesso sportivo Pertini, si dovrà altresì prevedere il rifacimento della pista di atletica.  Un ulteriore chiarimento sullo scioglimento e messa in liquidazione della società mista della farmacia Comunale S.r.l.: dopo la richiesta di convocazione dell’assemblea della società, per la relativa messa in liquidazione e la nomina stessa del liquidatore, è previsto l’affidamento del servizio in modalità provvisoria alla medesima Società, per evitare l’interruzione di un servizio essenziale per la comunità. Allo stesso tempo, sarà individuato un nuovo modello gestionale per il futuro.  Per maggior chiarezza, si precisa che la licenza della farmacia non è in vendita e non sarà chiusa ed è garantito un costante monitoraggio e aggiornamento sulla vicenda. Prossimamente sarà posta attenzione anche ai nostri amici gatti, con la realizzazione dell’oasi felina. L’area, individuata dalla precedente amministrazione per ospitare gli orti urbani, si ritiene non idonea, anche in considerazione della localizzazione. Nei fatti si considera che raggiungere l’area in bicicletta o a piedi, risulta essere pericoloso perché bisogna attraversare sia la Statale 11 che la SP 227. Per questi motivi la si è destinata ad ospitare una struttura di supporto all’accoglienza degli animali. Per quanto riguarda gli orti urbani, invece, si intende riprendere una vecchia ipotesi, che li collocava nell’area ora destinata alla casa della comunità di prossima costruzione. La scelta, quindi, è di spostarla in prossimità della ferrovia ed eventualmente ampliarla attraverso l’acquisizione di una striscia di terreno adiacente e ora incolto, qualora si rivelasse idonea allo scopo. I progetti e gli obiettivi di questa amministrazione sono costantemente aggiornati e ci impegneranno per i prossimi mesi. Vi terremo informati sugli sviluppi e le procedure che via via saranno avviate.

Lascia un commento