Latest News
Latest News

Privilegiare il cibo sano e nostrano significa difendere le tradizioni agroalimentari e favorire l’occupazione. La buona ragione per cui Silvia Scurati (Lega), consigliere regionale, ha firmato la petizione di Coldiretti. “Ho aderito ufficialmente alla petizione promossa da Coldiretti -spiega Scurati– contro il cibo sintetico. Azione sulla quale è stata votata in consiglio regionale, lo scorso 8 novembre, la mozione della Lega in sostegno alle iniziative contro il cibo sintetico”. Parole pronunciate a margine dell’incontro tenutosi questa mattina nella sede di Coldiretti a Milano con il direttore Umberto Bertolasi. “La mozione approvata -ricorda Scurati– impegna la giunta regionale a sostenere la raccolta firme promossa da Coldiretti, che ringrazio ancora una volta, contro il cibo sintetico e per una maggiore vigilanza sui rischi della diffusione del cibo da laboratorio”. Non solo. “Tutela dei valori, delle tradizioni, del cibo lombardo nostrano -continua Scurati-, nonché dell’occupazione: il settore agroalimentare in Lombardia conta 52mila imprese, 126mila dipendenti e un fatturato di oltre 25 miliardi di euro ed è una delle nostre tante eccellenze che qualcuno vorrebbe minare introducendo il cibo sintetico”. E infine. “Un’altra battaglia -conclude Scurati– che ci vedrà impegnati nelle prossime settimane è quella della tutela dell’agricoltura e delle aziende agricole presenti nel Parco Agricolo Sud Milano. Il cambio di governance, infatti, consentirà a Regione Lombardia di intervenire in modo concreto, e con nuove risorse, nel Parco in modo tale da mantenere ed efficientare la naturale vocazione agricola di questo importante patrimonio lombardo”.

Related Post

Lascia un commento