Latest News
Latest News

L’amministrazione comunale è inflessibile con gli utenti morosi dei servizi scolastici a domanda individuale. Infatti per recuperare il dovuto ha approvato la lista dei morosi da inoltrare al concessionario affinché proceda senza indugi alla riscossione coattiva degli importi. Una decisione drastica, ma inevitabile dal momento che gli interessati non hanno voluto sentire ragione di mettere mano al portafogli per saldare l’insoluto. Certo è che dalle verifiche effettuate, anche a seguito dei ripetuti solleciti e rateizzazioni inviati a debita distanza, è risultato che sono ancora aperte 33 posizioni creditorie, che si riferiscono al periodo che va dal 2012 al 2015. Non solo. I debitori sono stati formalmente avvisati che in caso di protratta inadempienza si sarebbe provveduto all’attivazione delle procedure esecutive di recupero coattivo del credito così come previste dalla legge. Ma dell’intimazione non si sono evidentemente curati. E in municipio non è rimasto che mostrare i muscoli. 
Da qui l’invio alla concessionaria Areariscossioni Srl di Mondovì (Cn) il ruolo per il recupero coattivo. Si tratta dei seguenti insoluti: asilo nido e servizi parascolastici comunali  per un importo di 23.247,73 euro, nonché 283,97 euro per interessi legali e 240,80 euro per  spese di notifica euro per un totale di 23.772,50 euro.

Related Post

Lascia un commento