Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Ruggiero Delvecchio
La sicurezza è un tema permanentemente sotto i riflettori. Ma si fa abbastanza per rassicurare i cittadini? No, a sentire il consigliere comunale Ruggiero Delvecchio (Forza Italia), a Settimo Milanese si è fatto e si fa ben poco.  “La sinistra ed i suoi ‘contorni’ civici -attacca Delvecchio-, tentano spesso di mistificare il concetto di sicurezza richiesto dalla gente. In particolare si fornisce una visione che coinvolge sempre ‘ben altro’ rispetto a ciò che l’attualità purtroppo ci propone. Sicurezza è prevenzione delle condotte delinquenziali e protezione dei più deboli dalle aggressioni fisiche o psichiche da parte di chi ha intenzione di realizzare atti illeciti di macro o micro criminalità. Sicurezza è garantire incolumità fisica e psichica di chi difende i propri beni con diritto di autodifendersi se la minaccia lo costringe a farlo. Sicurezza è proteggere il patrimonio pubblico dagli atti di vandalismo e dagli imbrattamenti di muri o superfici esposte che non richiedono di essere scarabocchiate per puro compiacimento incomprensibile”. 

Non solo. “Sicurezza -continua Delvecchio– è immigrazione controllata; la politica di sinistra di governo in questi anni ha provocato un buon numero di vittime in mare e a lungo andare la legittimazione di intolleranza delle popolazioni italiane che vedono erroneamente l’origine di tutti i mali negli immigrati irregolari. La sicurezza deve impedire che questa tendenza prenda piede regolamentando i flussi migratori che non possono essere illimitati. La sicurezza -conclude Delvecchio– si realizza rimpatriando coloro i quali non hanno diritto di rimanere in Italia o che dimostrano con comportamenti criminosi di non esserne degni e di non voler rispettare civiltà e leggi del nostro paese”.

Related Post

Lascia un commento