Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Il consiglio comunale aperto sulla viabilità doveva essere l’occasione per chiarire i punti oscuri o quantomeno controversi, ma di fatto è andato in scena “il già saputo”. Troppo per non spazientire il gruppo consiliare democratico. Infatti  il Pd in una nota denuncia che non esiste alcun documento relativo a studi su flussi e intensità del traffico (quante macchine passano in via Fagnani nell’ora di punta, quanta coda si forma se si blocca il traffico in un senso per due minuti, dove vanno le auto a Roveda se si crea una coda nella via per Bareggio, ecc.), così come non esistono pareri di esperti in materia di sicurezza atti a giustificare la bontà delle scelte effettuate. Insomma nulla, a suo dire, che giustifichi il progetto. E così, dopo un mese e mezzo dalla richiesta di convocare il consiglio comunale, non c’è stato nulla di più di quanto già detto nell’assemblea pubblica del 7 marzo.

Ma il Pd ha trovato abbastanza singolare che sindaco, giunta e consiglieri di maggioranza si sono mostrati molto attenti a controllare, cronometro alla mano, che nessuno degli interventi superasse i 5 minuti previsti e hanno protestato ogni volta che si è verificato un pur minimo sforamento. Ma per contro non hanno mostrato, a suo giudizio, la stessa precisione per spiegare il progetto, che resta nebuloso e, a detta dell’amministrazione, “modificabile in corso d’opera”, ma solo per accontentare, almeno momentaneamente, l’interlocutore di turno. Non è tutto. Il Pd rileva che la larghezza della pista ciclabile di 2,5 metri salverebbe, stando alla versione del sindaco, tutti i parcheggi è solo un’affermazione per tener buoni i commercianti. Una circostanza, secondo il Pd, impossibile. Infine per quanto riguarda i parcheggi delle Poste  -denuncia il Pd– non c’è alcun accordo. La singolarità -aggiunge il Pd– è che sindaco ha inoltrato solo il 17 aprile scorso, ben un mese e mezzo dopo l’assemblea pubblica del 7 marzo, e una settimana dopo la richiesta dei documenti da parte sua. Certo è che al momento non c’è nessuna risposta da Poste Italiane.

Related Post

Lascia un commento