Latest News
Latest News
Renato Laviani
Sarà stata la delusione per la sconfitta elettorale, o la consapevolezza che fare il capo dell’opposizione da semplice consigliere comunale, dopo che per una notte sembrava già sindaco, sarebbe stato troppo poco. Renato Laviani avrebbe, a quanto pare,   già gettato la spugna. Ma le sue dimissioni sono in giallo. Infatti lui smentisce di aver compiuto il passo e che resta al suo posto. Insomma Laviani, candidato sindaco del centrodestra, che voleva fare di “Cornaredo una città bellissima” in qualità di primo cittadino, a suo dire, non si sarebbe dimesso da consigliere comunale, anche se indiscrezioni degli ambienti politici dicono altro. A ogni modo se l’avesse fatto sarebbe stata una scelta probabilmente affrettata, anche se l’amarezza avrebbe potuto consigliare il clamoroso gesto. Intanto sul fronte del centrosinistra si aspetta che il riconfermato sindaco Yuri Santagostino nomini la giunta.

Ma prima di formalizzare il nuovo esecutivo dovrà confrontarsi con la Sinistra, visto che stavolta ha conquistato un seggio e vuole dire la sua e contare nelle scelte politico-amministrative. Da quel che si dice la Sinistra vuole che la Carta di Pisa venga applicata realmente per scongiurare conflitti d’interesse fra la politica e la professione esercitata. 

Lascia un commento