Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Non è mai un segno di salute e di guida sicura del municipio quando le opposizioni, che quasi sempre sono costituite da forze distanti anni luce fra loro, finiscono inaspettatamente per coalizzarsi. Certo è che l’amministrazione pentastellata è riuscita  in quel che sembrava impossibile, ovvero nella straordinaria impresa di unire Pd, LegaGruppo misto autonomo in un attacco concentrico contro se stessa. Il tutto per non coinvolgerle, come avrebbe dovuto e potuto fare, nella discussione sul nuovo piano di viabilità urbana. Ma quel che è più strabiliante è riuscita a svegliare il Pd dal torpore in cui era caduto  da tempo. E ancora più a “inimicarsi” Susi Auletta che sinora è stata una sorta di fiancheggiatrice non richiesta dei 5 Stelle. Un’operazione che si è invece inaspettatamente materializzata. Infatti hanno sottoscritto la richiesta di un consiglio comunale aperto sul nuovo piano di viabilità, per dare la possibilità a cittadini, consiglieri, associazioni, professionisti interessati, di discutere e approfondire l’argomento.

Una compattezza che non era nel novero delle possibilità. Ma la politica, come si sa, è capace di questi “miracoli”, soprattutto quando le maggioranze non vivendo di progettualità e di idee di grande respiro si attaccano al bagliore del contingente, che improvvisamente irrompe sulla scena. Il guaio è che non rendendosi conto che “non è oro tutto quel che luccica” si lasciano irretire con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. E per quanto riguarda il Pd si è talmente rianimato da  mobilitarsi per incontrare i cittadini giovedì 4 aprile, alle 21, nella saletta dei gruppi consiliari di via Fagnani 35.

Lascia un commento