Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

L’assessore Roberto Pirota non sapeva che il regolamento per l’accesso in piattaforma ecologica, approvato nel marzo 2018, non fosse stato pubblicato sul sito comunale e che fosse pure negato l’ingresso ai furgoni. Così Pirota ha risposto all’interrogazione sul tema delle liste civiche Bareggio nel cuore e Gente di Bareggio.  Del resto il regolamento era stato approvato nella passata legislatura e toccava ai precedenti amministratori svolgere gli adempimenti per l’effettiva applicazione. Pirota ha anche detto di aver chiesto conto agli uffici del patrimonio che, a loro volta, hanno spiegato che non dipende da loro la pubblicazione sul sito. Tuttavia hanno provveduto a dare comunicazione verbale del nuovo regolamento al gestore, ma non è mai avvenuta una comunicazione ufficiale scritta. Insomma restano ignoti i motivi per i quali il regolamento è stato disatteso.
L’ipotesi che a bloccare gli uffici nella comunicazione del nuovo regolamento esia stata forse la poca chiarezza sulle modalità di accesso all’ecocentro per via della sbarra non funzionante e del dispositivo mancante per la funzione di controllo via badge. Tuttavia l’assessore si è impegnato a procedere in un breve periodo per rimediare all’incongruenza e far sì che venga applicato il regolamento approvato e mettendo in condizioni il gestore di poterlo applicare. “Siamo molto delusi -afferma Ermes Garavaglia (Bareggio nel cuore)-  nel constatare che un regolamento approvato nel marzo 2018 non sia stato minimamente applicato: non vi è stata pubblicazione sul sito, non sono stati effettuati i doverosi passaggi perché le novità che lo stesso regolamento contiene siano state comunicate al gestore dell’ecocentro, e i successivi controlli sulla verifica dell’adempimento segnalato. Insomma nulla. Dopo mesi di lavoro da parte del consiglio comunale nella predisposizione di questo regolamento tutto è rimasto come prima. Non vogliamo cercare il colpevole -chiosa amaro Garavaglia-, non vogliamo addossare la responsabilità alla precedente o all’attuale amministrazione, ma vogliamo denunciare una inadempienza a nostro avviso grave. Una inadempienza avvenuta su un tema semplice, che forse non ha grandi ricadute, ma che è sintomatica di un lavoro non fatto, non controllato, e senza risultati. Ci auguriamo, delusi, di non trovarci più difronte a situazioni simili”.

Related Post

Lascia un commento