Latest News
Latest News
Livio Fagnani
Livio Fagnani ha confermato in aula consiliare le anticipazioni che a poche ore della seduta aveva confidato a Stataleforum. Anzi è andato oltre. Certo è che la sua lunga e durissima filippica ha fatto scendere un gelo tremendo in aula e quel che non era nelle attese ha finito pure per scatenare battibecchi e litigi in diretta nella stessa giunta fra gli assessori Enzo Tenti e Maikol Bergamaschi. Un clima più che surreale e per di più inimmaginabile, poiché difficilmente accade che un presidente del consiglio comunale se la prenda con gli uffici, rei, ai suoi occhi, di non fare molto. E così in primis ha sollecitato l’imbarazzato sindaco Stefano Zancanaro a sollevare dall’incarico la segretaria comunale che, a suo giudizio, non si è sinora data granché da fare per far sì che gli uffici funzionino e stiano al passo delle esigenze amministrative. Poi,  scusandosi con tutti i capigruppo per i documenti mancanti alla conferenza dei capigruppo, ha attaccato gli uffici per la figuraccia a cui l’hanno esposto a causa dell’ordine del giorno carente di documentazione e per le inadempienze che vanno in scena.

E così via sino a minacciare di rivolgersi ad autorità superiori se in municipio non si cambi velocemente passo. Un intervento di aperta sfiducia all’apparato burocratico e velatamente anche al sindaco, che come capo dell’amministrazione avrebbe dovuto già da tempo intervenire per risolvere le criticità. L’attacco potrebbe alla fine rivelarsi fatale per la sopravvivenza della stessa maggioranza, che oggi sembra navigare a vista e senza coesione. L’assessore Tenti nel suo intervento ha detto di non condividere la posizione di Fagnani, ma di comprendere la sua presa di posizione. Del resto lui sa bene quanto si deve “sbattere” per realizzare i suoi progetti. A un certo punto il consiglio comunale è stato sospeso per permettere al capogruppo Ezio Manini di Insieme per Vittuone di presentare la richiesta di un nuova seduta consiliare per approvare le unificate proposte per villa Venini delle due forze di maggioranza.

Related Post

Lascia un commento