Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

Ma il question time è stato introdotto solo per piantare una bella bandierina su un punto del programma realizzato? Sinistra di Sedriano alla luce del consiglio comunale dì martedì prossimo non ha molti dubbi sulle vere intenzioni dell’amministrazione comunale sul tema. E in questa nota che ricevo e pubblico esprime le sue perplessità. In considerazione della corposità dei punti all’ordine del giorno nel consiglio di  martedì 27/11/2018, abbiamo chiesto alla presidente Stefania Galeazzi di rinviare la discussione sul questio time alla prossima data utile. Già il 13 aprile scorso abbiamo invia a tutti i consiglieri comunali – proponendo alcune modifiche agli orari del question time per rendere più utile e incisivo il dibattito per il rispetto dovuto ai cittadini presenti e non invece al termine del consiglio comunale, quasi fosse un appendice trascurabile. Ovviamente, come sempre, non ci è pervenuto nessun riscontro, tranne un commento Facebook – canale prediletto dagli attuali amministratori – dove l’assessore Alì affermava che le proposte sarebbero state “oggetto di esame nella commissione consiliare preposta”.
Naturalmente anche questa affermazione è stata disattesa e, come tutto il resto, finita nel dimenticatoio. A luglio 2018, la presidente Galeazzi, esprimeva (24 luglio 2018 prot. 12461) la sua disponibilità alle nostre proposte di modifica per rendere pienamente operativa questa forma di dimenticandosi però che le avevamo già sottoposte all’attenzione di tutti, da diverso tempo nel frattempo, nessuna risposta. Utile ricordare anche che i consiglieri, nel caso in cui i lavori del consiglio comunale si mezzanotte, hanno diritto di assentarsi dal servizio (lavoro) per l’intera giornata i cittadini no. In conclusione, ci aspettiamo che le affermazioni della presidente Galeazzi non rimangano generica intenzione, ma si traducano in concrete e coerenti azioni. Diversamente continueremo ad avere il dubbio, cioè di averlo si introdotto, ma allo stesso tempo di relegarlo ai margini del dibattito civile e democratico. In altre parole di aver partorito il question time esclusivamente per inserirlo brutalmente nell’elenco delle cose fatte?

Related Post

Lascia un commento