Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

Nessuno se l’aspettava tanto meno la Lega che Sinistra di Sedriano avrebbe ritirato la querela per la vicenda del falò 2017 culminata nel rinvio a giudizio del vicesindaco Davide Rossi e dell’assessora Valeria Chiesa.  Il Carroccio non comprendendo le ragioni della scelta bolla l’accordo come un ‘inciucio’. E attacca.  “Il 22 settembre, dopo quasi due anni dagli eventi in oggetto e, a pochi giorni dalla sentenza, Davide Rossi e Valeria Chiesa fanno pubbliche scuse a SdS sui social ‘per il loro comportamento inadeguato e politicamente scorretto’. La remissione della querela prevede un risarcimento che prontamente SdS accetta devolvendo l’intero ricavato all’Associazione Italiana Esposti Amianto. Dunque ci chiediamo ma che razza di ‘inciucio’ è questo?
Le scuse arrivano solo ora, palesemente tardive, e tra l’altro, uno degli scriventi, Davide Rossi, solo una settimana fa è stato invitato proprio da SdS, per l’ennesima volta, alle dimissioni a causa di un suo post su Mussolini… Una settimana fa doveva dimettersi… Una settimana dopo viene salvato… Come mai? A quanto ammonta il risarcimento? Quali sono le motivazioni che hanno spinto SdS ad accettarlo? Siamo davvero perplessi e onestamente delusi. Forse è stato semplicemente scelto il male minore… politicamente parlando, si intende. Ci saremmo aspettati maggiore incisività da parte di SdS e maggiore assunzione di responsabilità da parte dei paladini stellati della correttezza e trasparenza che, pur di non mettere a repentaglio la tanto agognata ‘cadrega’ decidono per un risarcimento pecuniario”.

Related Post

Lascia un commento