Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
L’amministrazione comunale confidava nella mobilità per coprire i posti vacanti. La procedura si è però risolta in un nulla di fatto. Il suo obiettivo era quello di coprire con la mobilità i seguenti posti vacanti: 2 istruttori tecnici nell’area lavori pubblici e servizi informativi; 1 istruttore tecnico nell’area ambiente e territorio; 1 istruttore amministrativo per servizi demografici nell’area affari generali servizi legali e programmazione; 1 istruttore amministrativo nell’area affari generali, servizi legali e programmazione; 1 istruttore direttivo amministrativo/contabile nell’area finanziaria. Il risultato è che per l’anno corrente ha dovuto rinunciare all’assunzione a tempo pieno di un istruttore direttivo amministrativo/contabile e di altro istruttore direttivo per i servizi demografici. Ma non tutti i guai vengono per nuocere.

Infatti il contrattempo ha finito per dare al Comune la possibilità di rifarsi nel 2019. Sì, perché in municipio  per effetto del pensionamento di 6 dipendenti prevedono per il prossimo anno  l’assunzione a tempo pieno di 3 istruttori tecnici per l’area ambiente e territorio e di 2 per l’area lavori pubblici e servizi informativi. La cessazione dal servizio nell’anno corrente di 3 dipendenti di categoria D1 e di altri 3 di categoria C è destinata a generare per il 2019 una facoltà assunzionale per una spesa di 182.651,40 euro (100% costo cessati anno precedente) a fronte di 87.474,42 euro per le nuove assunzioni. Insomma l’ente si è guadagnato tutti i requisiti necessari per poter procedere ad assunzioni a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale.

Related Post

Lascia un commento