Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News

Le principali associazioni antimafia lombarde (Associazione Vittime del Dovere, Brianza SiCura, Carovana Antimafia Ovest Milano, La Barriera, Libera Lombardia, Scuola di Formazione Antonino Caponnetto, Stampo Antimafioso, WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie) hanno divulgato un comitato stampa congiunto nel quale esprimono perplessità e dubbi per un possibile conflitto d’interessi per l’avvocata Maria Teresa Zampogna, nominata nel comitato tecnico scientifico per la legalità e il contrasto alle mafie, un organo di supporto alla commissione regionale antimafia. Il comunicato solidarizza con la presidente della commissione regionale antimafia Monica Forte, del M5S, e con l’ex presidente dello stesso comitato Nando Dalla Chiesa per le denunce di inopportunità della nomina dei giorni scorsi.

“Mi auguro che l’appello delle associazioni antimafia e di vittime della criminalità organizzata -afferma Monica Forte– presidente della commissione regionale antimafia- non cada nel vuoto ed è ora che Fontana si faccia sentire sulla vicenda. Non si può rimanere sordi all’appello dei cittadini, qui la politica deve prendersi le proprie responsabilità. Lo ribadisco, non è in discussione la professionalità della nominata né il diritto di difesa, ma l’opportunità della nomina. Il comitato ha accesso a informazioni sensibili e discute di beni confiscati che potrebbero anche appartenere soggetti difesi  dall’avvocata e potrebbe ancora difendere soggetti condannati o indagati per 416-bis. Esiste un potenziale conflitto d’interessi che il buon senso dovrebbe evitare. A questo punto un passo indietro è doveroso. La minaccia mafiosa in Lombardia impone di garantire al comitato piena operatività. Una partenza zoppa, con una nomina inopportuna, determinerebbe una inevitabile inefficienza del lavoro di commissione e comitato che rischia di anestetizzare l’attività istituzionale antimafia di Regione Lombardia”.

Related Post

Lascia un commento