Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Il solito pubblico delle grandi occasioni, assiepato nell’aula consiliare, ha fatto da cornice all’avvio della legislatura. E così in un’atmosfera abbastanza distesa, anche se non è mancata  qualche frecciatina con annessa caduta di stile, si è insediato ieri sera il nuovo consiglio comunale. Una serata, come accade alla prima, che segna la chiusura della campagna elettorale per gli sconfitti e l’inizio del mandato per i vincenti e la passerella per sindaco e assessori. Intanto, come previsto, è stato eletto alla presidenza del consiglio comunale Angelo Cozzi (Lega), mentre la vicepresidenza è andata a Tina Ciceri (Pd). Giuseppe Sisti (Lega) ha ringraziato tutti e sottolineato il grande successo della coalizione che segna una svolta nel governo della città. L’ex sindaco Giancarlo Lonati (Pd), volendo forse avvertire la nuova prima cittadina Linda Colombo sulle difficoltà che l’attendono, ha ricordato che l’arte di governare è parecchio complicata. Ermes Garavaglia (Bareggio nel cuore) ha evidenziato che sino a poco tempo fa c’era unità d’intenti con la Lega, ma poi le strade si sono separate.

Ma se l’è anche presa con il neopresidente Cozzi per le sue parole apparse sui social che, a giudizio di Garavaglia, non erano politicamente corrette. Monica Gibillini (Bareggio 2013) non ha avuto nulla da ridire, anzi si è augurata che la nuova amministrazione lavori bene. Infine Flavio Ravasi (M5S) ha solo chiesto se non c’erano incompatibilità in giunta, ma gli è stato risposto che erano state rimosse prima di assumere la carica. E adesso l’amministrazione Colombo può inoltrarsi in mare aperto per  governare e rilanciare Bareggio così come promesso in campagna elettorale.

Related Post

Lascia un commento