Latest News
Latest News

Il piano di azione sulla rete stradale urbana, messo a punto dall’amministrazione comunale, ha evidenziato l’esigenza di intervenire sugli assi stradali principali per mitigare la rumorosità del traffico. Le strade comunali con flusso veicolare superiore ai 3 milioni di veicoli/anno sono l’ex Statale 11 e viale della Repubblica. L’ex Statale 11 (il tratto  di attraversamento di via Magenta e via Milano) per una lunghezza di circa 2.3 Km; l’ex S.P. 130 (il tratto di attraversamento viale della Repubblica) per una lunghezza di circa 2.7 Km. Un totale di circa 5.0 Km. Gli interventi di riduzione del rumore sono i seguenti: 

– Realizzazione del nuovo prolungamento linee metropolitane M5/M1 sull’asse dell’ex Statale 11. Da quando fu dismessa la linea tramviaria “Gamba de legn”, che collegava Milano a Magenta e Castano, con diramazione a Sedriano, l’asse stradale della Statale 11 ha visto crescere sempre di più la presenza di mezzi privati;
lo stesso trasporto pubblico su gomma ha risentito di tale situazione congestionante e non è riuscito a garantire un adeguato servizio ai cittadini; la soluzione di tale problema non può che essere all’interno di una visione metropolitana, considerando che dal 2012 al 2016 sono state presentate osservazioni ai piani sovracomunali (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, Piano Territoriale Regionale della Mobilità, Piano Urbano della mobilità sostenibile e Piano Strategico di Città Metropolitana) al fine di richiedere la realizzazione di una mobilità sostenibile e una particolare attenzione per la qualità ambientale. 
E’ più che mai necessario disincentivare l’uso privato degli automezzi attraverso il potenziamento del TPL (trasporto pubblico locale) e delle infrastrutture dei trasporti; è più che mai opportuno realizzare il prolungamento della M5 da San Siro a Settimo Milanese, proseguendo a Cornaredo e lungo l’asse del Magentino o della M1 sempre sul medesimo asse. Si rendono necessarie, quindi, scelte integrative quale può essere il prolungamento della metropolitana lilla M5, allo studio di fattibilità fino a Settimo milanese, ben oltre tale stazione per portarsi su tutto l’asse della strada Statale 11 in direzione Corbetta/Magenta/Castano con la possibilità di diramarsi anche verso Abbiategrasso. Si è chiesto a Città Metropolitana di adoperarsi presso Comune di Milano, Regione Lombardia, Agenzia TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dell’Ambiente per perseguire le finalità sopra indicate e per reperire le necessarie risorse. L’adozione di tale misura antirumore, con previsione di realizzazione a lungo termine, comporta sicuramente la riduzione del traffico sugli assi stradali oggetto del Piano di Azione, il cui effetto viene quantificato insieme alle seguenti ulteriori misure antirumore. 
– Realizzazione della variante dell’ex Statale 11 “Padana Superiore” nei comuni di Cornaredo, Bareggio e Sedriano, approvata dalla giunta comunale con delibera n. 34 del 05/03/2008. L’adozione di tale misura antirumore, considerando anche il nuovo prolungamento M5/M1 sull’asse dell’ex Statale 11, comporta la riduzione del traffico veicolare sull’asse stradale dell’ex Statale 11 stimata in una percentuale pari al 70%. 
– Ordinanza per la disciplina della circolazione: divieto di transito agli autocarri di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t sul tratto dell’ex S.S.11 dal Km 128.133 al Km 129.200 all’interno dell’abitato di San Pietro all’Olmo. Il traffico in direzione Novara/Magenta, proveniente da Milano, viene deviato sulla SP 172 per dirigersi verso Pregnana e Arluno. Il traffico in direzione Milano, proveniente da Novara/Magenta sarà deviato al Km 126.500 nel Comune di Bareggio per dirigersi verso Cisliano, Cusago e Baggio. L’adozione di tale misura antirumore comporta quindi l’annullamento del transito di mezzi pesanti sul tratto dell’ex Statale 11 tra il confine ovest con Bareggio e la rotatoria di intersezione con la Ex S.P. 130 e la riduzione, limitatamente alla direzione di marcia Milano → Novara, tra la rotatoria di intersezione con l’ex S.P. 130 e la rotatoria di intersezione con la S.P. 172. 
– In conseguenza delle misure antirumore attuate sull’ex Statale 11 si considera una riduzione del 50% del flusso di mezzi pesanti anche sull’ex S.P. 130 L’adozione della ordinanza di divieto di transito dei mezzi pesanti viene considerata una misura da realizzarsi nel breve medio periodo in quanto si tratta solo di verificare che l’effettiva deviazione del traffico dei mezzi pesanti sia realmente realizzabile nel contesto attuale. La realizzazione della variante della Statale 11 coinvolgendo i Comuni limitrofi e comportando una spesa importante sicuramente avrà una realizzazione di medio periodo o a lungo termine. Rimane comunque l’intervento più efficace per ridurre il traffico e la relativa rumorosità lungo le strade di attraversamento del centro abitato oggetto di piano di azione.

Related Post

Lascia un commento