Latest News
Latest News
Marco Gibillini
L’appuntamento con le urne si avvicina e per contro aumentano la conflittualità e gli attacchi ad alzo zero fra le forze politiche. Infatti non si risparmiano sciabolate Enrico Montani (Voi con noi) e l’assessore Marco Gibillini. Sì, l’assessore alle accuse di Montani risponde che sono tutte montature e in questa nota che pubblico afferma che l’è stato molto facile smontarle.
Caro Montani, stavolta mi hai reso il compito di smascherare le tue falsità particolarmente facile, e di questo ti ringrazio perché mi è sempre gradita ogni occasione per raccontare la verità alla gente di Bareggio.
Prima falsità: “Il sostegno alle associazioni non è aumentato”. Memoria corta vero? Ti ricordi che eri in maggioranza e da subito (2013) abbiamo fatto una variazione di bilancio che aumentava di 18.000 euro i contributi alle associazioni? E altri incrementi successivi hanno portato il preventivo 2018 a un più  32.800 euro per una differenza totale rispetto al 2013 di più 50.000 euro? Ah dimenticavo, a quanto sopra vanno aggiunti i contributi straordinari a sostegno di imprevisti nei vari anni e quanto erogato per altre agenzie educative (centro estivo, scuola materna ecc.) anch’essi aumentati rispetto al 2013.


Seconda falsità: “Il Fondo Montani” in cui far confluire la riduzione dei compensi. Un’invenzione politica pensata quando Montani era in maggioranza per fare un po’ di propaganda alla riduzione dei compensi. Riduzione che c’è stata ed è ammontata a 168.000 euro che non sono certo andati in avanzo di amministrazione, come sostenuto, bensì impiegati in attività e progetti realizzati.
Terza falsità: “Ci sono 6 milioni di avanzo di amministrazione!”. Ma davvero si può credere a un tale avanzo su un totale di 11 milioni amministrati all’anno? Capisco che il bilancio di un comune non è di banale lettura, ma prendere cifre a caso e battezzarle come avanzo mi sembra eccessivo. Qui occorrerebbe una piccola lezione di tecnica di bilancio, ma sono certo di annoiare non poco, mi limito perciò a ribadire che i 5,7 milioni individuati da Montani sono tutt’altro che l’avanzo di amministrazione (ci mancherebbe!). Si tratta della somma dei crediti meno i debiti, ovvero il “conto in banca” del comune cumulativo di tutti gli anni di amministrazione che, tolto il risultato dell’anno precedente (5,25 milioni), fissa l’incremento a 450.000 euro, e questo è tecnicamente l’avanzo di amministrazione.



Su questo tema vorrei però fornire a Montani i mezzi per capire se l’amministrazione ha lavorato bene. La media degli avanzi dei comuni italiani è facilmente ricavabile dalla statistica. Sono in totale 10 miliardi la cifra “lasciata in banca” ogni anno dai comuni; detta cifra divisa per il numero dei soggetti comunali ci dà una media di 1,2 milioni. E dato che noi siamo a meno di 450.000 euro direi che abbiamo lavorato molto bene! Se poi ci divertissimo a calcolare raffronti quali “abitanti di Bareggio contro abitanti Italia” faremmo ancor di più bella figura!
Quarta falsità: “Cifre in conto capitale gonfiate a scopo elettorale”. In sede di approvazione del bilancio 2018 avevamo previsto 740.000 euro perfettamente in linea con i due anni precedenti. Bene, siamo stati forse un tantino pessimisti altro che propaganda. A oggi rileviamo incassi registrati per 200.000 euro che proiettati a tutto il 2018 fanno 800.000 euro, ben più dei 740.000 previsti. Con tale disponibilità abbiamo già iniziato alcune attività; in particolare il cantiere dei lavori in piazza Cavour partirà a maggio. Noi amministriamo il paese caro Montani, al meglio che possiamo per il bene comune.
Infine auspichiamo che la ripresina economica in corso si possa consolidare per dare più risorse alle amministrazioni che verranno.  Le elezioni e un eventuale cambio della guardia porterà rallentamenti della macchina comunale, ci auguriamo comunque che non passi troppo tempo e soprattutto che coloro che verranno, se non saremo noi, possano rapidamente imparare, cosa non banale, perché i bisogni sono tanti, così come i pericoli, e le decisioni non possono languire per la debolezza della politica.

Related Post

Lascia un commento