Latest News
Latest News
Il rischio di truffe e raggiri è sempre dietro l’angolo, soprattutto quando a essere presi di mira sono gli anziani. L’amministrazione comunale in collaborazione con l’Arma dei carabinieri e la polizia locale, proprio per informare sui pericoli a cui gli anziani sono esposti e a dare indicazioni per sventare sul nascere il rischio di ritrovarsi avvolti nella rete che con pazienza e furbizia tessono i malviventi, ha promosso un incontro sul tema. L’incontro informativo è in programma per lunedì 18 dicembre, alle 16, nella sala consiliare di via Marietti 8. Del resto restare vittime dell’astuzia di malviventi, che ne sanno una più del diavolo, è una minaccia sempre in agguato e non bisogna mai abbassare la guardia.

Solo con un’informazione capillare si possono evitare brutte sorprese e scongiurare che ci si ritrovi in casa abili truffatori che ben vestiti e con modi suadenti si spaccino per rappresentanti del Comune, oppure di questo o quell’altro ente, di istituzione e associazione e si fanno consegnare quattrini. Un’iniziativa dunque utile a fornire ai partecipanti stratagemmi e misure per vivere più sicuri in casa e fuori, sui mezzi pubblici, in bicicletta, in auto, oltre a tutto quello che è necessario sapere per evitare spiacevoli visite e truffe. Ma cosa occorre sapere? Anzitutto non aprire la porta di casa a sconosciuti anche se vestono un’uniforme e dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità. Infatti nessun ente manda personale a casa per riscuotere pagamenti. Quando si fanno operazioni di prelievo o versamento in banca o in ufficio postale è bene farsi accompagnare e comunque non fermasi mai per strada per dare ascolto a chi offre facili guadagni o altre opportunità. Durante il tragitto di andata e ritorno dalla banca o dall’ufficio postale con i soldi in tasca non fermarsi mai con sconosciuti e non farsi distrarre. Se ci sente osservati non utilizzare il bancomat. Nelle fiere o nei mercati porre la massima attenzione, perché la ressa facilita l’agire dei malviventi. 

Lascia un commento