Latest News
Latest News

L’amministrazione comunale incontra i cittadini per fare il punto sulla modalità di gestione dei rifiuti differenziati e la tariffazione puntuale. L’appuntamento è per martedì 5 dicembre, alle 21, nel centro Giovanni Paolo II di via Marietti 8. Il servizio di raccolta della frazione secca, com’è risaputo, dal gennaio 2016  per le utenze domestiche avviene con modalità porta a porta mediante l’utilizzo di mastelle da 40 litri dotate di microchip nel quale sono registrati i dati dell’utente. In alcune utenze selezionate e le utenze protette i contenitori sono di dimensioni più grandi. Il servizio prevede lo svuotamento dei contenitori una volta/settimana in orario compreso tra le 6 e le 12,30. Il territorio comunale è stato diviso in due zone: A e B. Nella giornata di lunedì la frazione residua viene raccolta nella zona A, nella giornata di martedì vien raccolta nella zona B.

Nelle scuole, casa di riposo e cimitero il servizio viene effettuato 2 volte/settimana. Il rifiuto raccolto è avviato a smaltimento nell’impianto di termovalorizzazione di Trezzo sull’Adda (MI) gestito dalla società Prima Srl. Intanto, stando alle tabelle sotto pubblicate e al piano finanziario, le previsioni di spesa per l’anno 2018 sono predisposte sulla base dell’andamento di produzione di rifiuti riferite al 2017, i cui quantitativi ad oggi raccolti fanno presumere il raggiungimento di risultati anche migliori rispetto al 2016, ma sensibilmente diversi, per tipologia, da quelli degli anni precedenti. Tali risultati hanno consolidato la situazione del 2016 dimostrando l’efficienza del nuovo servizio e la buona partecipazione dei cittadini alla raccolta differenziata. I valori riscontrati nella parte riguardante la raccolta domiciliare hanno raggiunto anche picchi di raccolta differenziata dell’85% attestandosi su una media annuale comunque superiore all’80%. Si può affermare, quindi che è stato raggiunto e abbondantemente superato l’obbiettivo proposto dall’offerta tecnica della società aggiudicataria dell’appalto per i servizi di igiene urbana, che prevedeva un valore minimo di raccolta differenziata del 70%. 

Related Post

Lascia un commento